fbpx

Marcello Cardona, chi è il nuovo Presidente della Reggina

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Chi è Marcello Cardona, il nuovo Presidente della Reggina: Felice Saladini ha scelto lui per guidare il nuovo corso amaranto

Sciolte le riserve, adesso ufficiali rispetto alle voci circolate negli ultimi giorni: Marcello Cardona è il nuovo Presidente della Reggina. Il neo patron amaranto Felice Saladini ha scelto l’autorevole Prefetto reggino per guidare il nuovo corso amaranto, cominciato esattamente venerdì scorso con l’annuncio alla stampa dello stesso imprenditore milanese, il quale ha acquisito le quote. Quel giorno Saladini anticipò anche che la società si sarebbe strutturata con un Consiglio di Amministrazione nel segno della legalità. E così è, considerando il profilo di Marcello Cardona, un altissimo profilo, una figura straordinaria, un figlio di questa terra e uno storico tifoso amaranto. Una garanzia per l’identità territoriale del nuovo club, che dopo la parentesi forestiera con Luca Gallo, è tornato nelle mani di calabresi e reggini com’era sempre stato nei precedenti 105 anni di storia.

Chi è Marcello Cardona, il nuovo Presidente della Reggina

Marcello Cardona è innanzitutto una figura del territorio, che il territorio lo conosce perché qui ci è nato. Reggio Calabria è infatti la sua città natale, esattamente dal 4 dicembre 1956. Ed è anche, oltre che una figura del territorio, uno che il calcio lo ha vissuto, masticato, calpestato, all’interno dei campi italiani, quando il nostro calcio era il più bello del mondo. Dal 1973 al 1996, infatti, Cardona è stato arbitro di calcio. L’esordio è avvenuto in B nel 1989, a 32 anni, mentre quello in A è arrivato l’anno dopo, un Genoa-Parma del dicembre 1990. In totale ha diretto 32 partite di massima serie, l’ultima un Torino-Atalanta del 1995-1996. Per lui, da questo punto di vista, anche qualche riconoscimento, come la nomina ad arbitro benemerito nel 1997, la Stella di bronzo al merito sportivo nel 2004 e quella d’argento nel 2008, senza dimenticare l’incarico di Procuratore Arbitrale Nazionale svolto dal 2003 al 2008.

Non solo arbitro e non solo calcio, però. E qui rientra il concetto di legalità di cui sopra, reso comunque già affidabile dalla carriera di arbitro. Contemporaneamente al suo percorso in campo, infatti, Marcello Cardona diventa funzionario di Polizia nel 1981 e nel corso degli anni viene incaricato a svolgere ruoli importanti, delicati, di responsabilità: si occupa di criminalità organizzata a Milano, di terrorismo internazionale e di Antimafia. E’ anche Vicario del Questore di Roma e successivamente Questo di Varese, Livorno, Catania e Milano, tutto nel corso degli anni Duemiladieci. Nel 2019, infine, viene nominato Prefetto di Lodi. Dal 30 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 è stato Commissario per il coordinamento delle iniziative delle solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti. Adesso, come annunciato in conferenza stampa al Granillo, il confronto con il Ministro dell’Interno Lamorgese e una risposta affermativa per avere l’ok a diventare il Presidente della Reggina.

Presentazione del nuovo Presidente della Reggina Marcello Cardona: i passaggi della conferenza | VIDEO