fbpx

La calabrese Swamy Rotolo e il David a soli 17 anni: “Gioia Tauro in festa per me, che emozione!”

swamy rotolo david di donatello Foto di Giuseppe Lami / Ansa

Swamy Rotolo è la più giovane vincitrice di un David di Donatello come migliore attrice: le emozioni del momento e la festa esplosa nella sua città, Gioia Tauro

Calcare il tappeto rosso a soli 17 anni e, addirittura, vincere il premio più importante del cinema italiano. E’ la calabrese Swamy Rotolo la protagonista del momento, la più giovane vincitrice di un David di Donatello. “Mi sono detta, stai tranquilla tanto non sarai tu a riceverlo, non hai speranze”, ha rivelato in un’intervista al Corriere della Sera. E invece da outsider con il film “A Chiara” di Jonas Carpignano“Mi sono seduta e mi sono detta, ora goditi la serata. Quando hanno fatto il mio nome le emozioni mi hanno travolta. Nei giorni dei David hanno rifatto vedere Sophia Loren, Monica Vitti…”, sorride Swamy.

“Ho festeggiato bevendo una bottiglia di champagne a serata conclusa in hotel con la mia famiglia”. Casa e bottega, sono tutti nel film i suoi familiari: “Jonas, che è nostro vicino di casa a Gioia Tauro e per me è un fratello, ci aveva detto (senza fare provini), di interpretare noi stessi, come siamo nella vita, a parte mio papà Claudio che nella vita è saldatore come nel film, ma non ha nulla a che vedere con la ‘ndrangheta. Poi c’è mia madre, Carmela, casalinga, le mie sorelle Grecia, la maggiore, così riflessiva, e la piccola, Giorgia, identica a me”. Poi parla del film: “mi piace il modo in cui si racconta un mondo che non condivido ma che comunque mi appartiene per nascita e identità. Io non lo volevo fare, avevo avuto una particina in un altro lavoro di Jonas, ma questa era una responsabilità troppo grande”.

Un successo fantastico, ma lo sguardo va già al futuro. “Sì, ma chi l’avrebbe mai immaginato…Io attrice. Voglio metterci tutta me stessa restando con i piedi per terra. Profilo basso. Ma prima devo fare un corso di dizione a Roma”: e prima ancora deve tornare a scuola. “Mi hanno scritto compagni e la professoressa. Un mese fa gridai all’annuncio della mia candidatura; la prof (stavo seguendo in streaming di nascosto in aula) pensò che mi fosse successo qualcosa di brutto. Ora mi hanno scritto che sono l’orgoglio del paese”, spiega ancora Swamy Rotolo.

Davide Donatello, Bruni: “Swamy Rotolo orgoglio della Calabria”

“Non si vince un David di Donatello come migliore attrice se non si ha talento e Swamy Rotolo, calabrese di Gioia Tauro, ha dimostrato di averne tanto anche se ha appena 17 anni ed è la più giovane vincitrice di un David di Donatello. La protagonista di ‘A Chiara’, del regista Jonas Carpignano, fa l’attrice ma frequenta ancora la scuola e proprio a scuola aveva saputo di essere candidata”. Si esprime così in una nota il consigliere regionale calabrese Amalia Bruni (misto) che aggiunge: “orgoglio di mamma e papà e di tutta la nostra regione con una meravigliosa carriera davanti, ha già girato due pellicole e sono certa che continuerà a mietere successi nei prossimi anni”.

“Ancora un esempio positivo un’eccellenza nel campo dell’arte e dello spettacolo che dimostra come il talento dei calabresi non ha nulla da invidiare a quello degli altri. Le auguro – conclude Bruni – una carriera fortunata sperando che possa essere una delle ambasciatrici della calabresità nel mondo”.