fbpx

SS 106 nuova priorità del Governo: da Sibari a Reggio Calabria, previsti 3 miliardi di fondi

ss 106

Tra i nodi da sciogliere rimane il collegamento stabile sullo Stretto di Messina: dalla risposta che uscirà dagli studi di fattibilità si procederà anche definitiva sulla progettazione della ferrovia Salerno-Reggio Calabria

La Statale 106 Jonica è la nuova priorità del Governo italiano. Al Sud Italia si gioca una partita decisiva e con il documento “Def Infrastrutture” il Ministro Enrico Giovannini punta a completare il piano decennale. Ben 290 pagine sono state messe a punto e saranno inviate al Premier Mario Draghi e al Parlamento nelle prossime ore: si tratta di fabbisogni finanziati per nodi urbani Fs (43,4 miliardi di euro), metropolitane (3,8 miliardi) e strade (20,3 miliardi), tra le quali proprio la SS 106, che vanno al di là dei fondi ottenuti con il Pnrr. La Statale 106 Jonica diventa la bandiera di un nuovo ciclo di investimenti per il Sud, come nei primi venti anni del secolo era stata l’autostrada Salerno-Reggio Calabria. Il documento chiede 3 miliardi per il completamento dell’opera, si legge in un articolo del Sole 24 Ore, in cui è inclusa la tratta Catanzaro-Crotone (1,8 miliardi), l’avvio della Crotone-Sibari e il collegamento sino a Reggio Calabria.

Una grande novità del Def Infrastrutture è la grande attenzione al Cratere post terremoto del Centro-Italia, con la volontà di potenziare le strada fra Accumuli ed Amatrice, connettendoli ai grandi assi adriatici e tirrenici. Infine, per tornare ancora nel profondo Sud, ci sono nodi che ancora devono essere sciolti, “a partire proprio dal collegamento stabile sullo Stretto di Messina”. Come spiega ancora il Sole 24 Ore, “i tempi non sono maturi: si aspetta il progetto di fattibilità tecnica ed economica di Rfi che darà risposte non solo alla soluzione tecnica da adottare, ponte a una o a tre campate o anche niente, ma metterà i punti fermi per la definitiva progettazione della ferrovia Salerno-Reggio Calabria”. Il Def Infrastrutture ha dunque un valore molto importante per il Paese e segna quella continuità necessaria a partire dal 2026, quando si dovrà partire con nuovi programmi e progetti chiari.

Infrastrutture, Occhiuto: “stiamo lavorando affinché Ss106 diventi priorità nazionale”

“Stiamo lavorando, insieme all’assessore Mauro Dolce, affinché la Strada Statale Jonica possa finalmente diventare una priorità nazionale. E lo stiamo facendo coinvolgendo il Consiglio regionale, i sindacali locali e nazionali, il ministro Giovannini, e l’esecutivo Draghi, con il quale abbiamo da mesi un’interlocuzione stabile e proficua. Non chiediamo solo qualche risorsa in più, ma un segnale chiaro per cambiare la storia di un intero territorio. In questi giorni a Roma si sta mettendo a punto un documento che orienterà la strategia e gli investimenti che Palazzo Chigi vorrà perseguire per i prossimi anni. Noi ce la stiamo mettendo tutta, tramite la nostra azione di governo vogliamo consentire la riscossa ad una Regione che ha fame di opportunità. Avanti!”. Lo scrive su Facebook Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, commentando un articolo uscito su “Il Sole 24 Ore”.

Infrastrutture, Tripodi (FI): “SS 106 in Def premia tenacia Occhiuto”

“La tenacia del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, è stata premiata: la Strada Statale 106 è stata inserita nell’allegato Infrastrutture del Def, il Documento di Economia e Finanze, e assunta come ‘nuova’ priorità dal governo nazionale. Parliamo di un’opera attesa da tantissimi anni che Occhiuto ha posto fin dal suo insediamento come assolutamente prioritaria per allineare la Calabria alle condizioni di civiltà che merita. Con le risorse messe ora a disposizione dal governo sarà possibile immaginare una maggiore qualità della sicurezza e dei trasporti in un’arteria fondamentale per lo sviluppo economico del territorio calabrese”. Lo afferma in una nota Maria Tripodi, deputato calabrese di Forza Italia.

Infrastrutture, Torromino (FI): “SS 106 in Def passo avanti decisivo per Calabria”

“L’ammodernamento della Strada Statale 106 non è più un miraggio, ma un’opera prioritaria del governo nazionale. L’inserimento dei fondi da destinare a questa infrastruttura all’interno del Def certifica un passo in avanti decisivo verso lo sviluppo della Calabria e il definitivo superamento di una grave condizione di marginalità che finora ne ha condizionato il futuro e la crescita.  Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la determinazione e la costante dedizione del presidente della Regione, Roberto Occhiuto, la cui azione di governo è destinata a lasciare il segno nella vita dei calabresi”. Lo afferma in una nota Sergio Torromino, deputato calabrese di Forza Italia.

Infrastrutture, Gentile (FI): “con inserimento nel Def Ss106 strategica per l’intero Paese”

“La Strada Statale 106 diventa opera strategica non più solo per la Calabria ma per l’intero Paese. Dopo l’inserimento nel Def, sarà finalmente un’infrastruttura a servizio del Mezzogiorno e leva fondamentale di uno sviluppo economico e turistico per troppo tempo compromesso. Il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, si conferma ogni giorno di più come uomo del fare incarnando il volto delle istituzioni operose, capaci di portare a casa risultati preziosi per la propria terra e la comunità di appartenenza e di interagire in modo efficace con tutti i livelli istituzionali”. Lo afferma in una nota Andrea Gentile, deputato calabrese di Forza Italia.