fbpx

Rendiconto al Comune di Reggio Calabria, Consiglieri centrodestra: “maggioranza scarica responsabilità su burocrazia e stampa”

centrodestra consiglio comunale reggio calabria piazza garibaldi Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

La nota dei Consiglieri Comunali di opposizione al Comune di Reggio Calabria commenta l’atteggiamento dell’assessore Irene Calabrò e del capogruppo PD, Giuseppe Sera

“Al Comune di Reggio Calabria si riesce a trasformare in teatro dell’assurdo anche il dramma della mancata approvazione del bilancio consuntivo 2021”. Si apre così la nota dei Consiglieri di opposizione a Palazzo San Giorgio in merito alle notizie pubblicate in questi giorni. L’Assessore al Bilancio Irene Calabrò “da un lato sostiene, a frittata fatta, che non sia questo il tempo della individuazione delle responsabilità, ma dall’altro ha cura maniacale di lamentarsi del mancato accertamento dei residui attivi e passivi da parte dei Dirigenti delle U.O. Se, dunque, l’Assessore Calabrò non ha esercitato per tempo il potere connesso alla carica ricoperta, lasciando che le omissioni dei Dirigenti giungessero alle estreme conseguenze oggi sotto gli occhi sbigottiti della Città, deve solo prendersela con se stessa”.

“Ma ci pensa un altro genio a superare l’estro autoreferenziale dell’assessore: a dare l’ennesima, tangibile prova di talento è, infatti, il capogruppo PD, Giuseppe Sera, il quale con sicumera degna di tutt’altra causa ha ricondotto la mancata approvazione del bilancio consuntivo 2021 a fatto e colpa  dei giornalisti, senza spiegare in cosa sarebbero consistiti l’uno e l’altra! La sconfortante sceneggiata altro non è che un ulteriore indice della ormai irreversibile crisi dell’anomalo rapporto esistente tra la “politica” e la burocrazia di Palazzo San Giorgio, e ciò fa si che i consiglieri di opposizione domani si recheranno in Prefettura prima di dare importanti comunicazioni alla Città tramite conferenza stampa”, conclude la nota.

Il comunicato del Vice commissario cittadino Reggio Calabria Pasquale Oronzio su grave situazione rendiconto comunale

Lo scorso 30 aprile il comune di Reggio Calabria avrebbe dovuto presentare lo schema di rendiconto di gestione.Non sorprende, anzi amaramente non stupisce, che il comune non abbia ottemperato a tale scadenza e oggi si ritrovi a dovere affannosamente correre ai ripari”, scrive in una nota Pasquale Oronzio vice commissario di FDI Reggio Calabria.

“Siamo di fronte all’ennesima manifestazione dell’incapacità di chi governa la nostra città. Una classe dirigente senza visione politica, senza amore verso il bene comune, troppo ripiegata su se stessa. Impegnata più a risolvere problematiche interne per tenere in piedi la baracca piuttosto che ridare dignità a un intero territorio. Il tutto assume dei connotati ancora più vergognosi alla luce delle dichiarazioni dell’Assessore al bilancio Calabrò che imputa tale ritardo al Covid e alla carenza del personale. Scuse che nascondono dietro il dito il mondo della totale inettitudine di chi ci rappresenta. La città è allo stremo, periferie abbandonate, alle porte della stagione estiva senza nessun tipo di programma o visione che possa consentire alla nostra città di sfruttare ciò che la natura ci ha gratuitamente donato come da altre parti, neanche molto lontano (vedi roccella ionica), accade. La sensazione è che ci si trovi ormai in una situazione incancrenita, di una partita a scacchi in cui le due squadre ad affrontarsi, amministrazione assente da un lato e cittadini delusi dall’altro, rischia di avere un’unica  grande sconfitta: la città!”, conclude Oronzio.