fbpx

A Reggio Calabria i cittadini ringraziano le istituzioni per aver asfaltato un tratto di strada

via cantaffio

Nel 2022, in riva allo Stretto, ci dobbiamo accontentare di questo. Mentre un pezzo d’Italia, e buona parte d’Europa, guarda avanti e vola, a passi da gigante, in fatto di tecnologia e infrastrutture, a Reggio Calabria si ringrazia perché la politica ha asfaltato un pezzo di strada

Succede anche questo. E ci sta. Purtroppo, ma ci sta. A Reggio Calabria, città in cui è ormai d’abitudine svegliarsi e vedere crateri che Etna spostati, succede che un’associazione di quartiere ringrazi le istituzioni, la politica, per aver asfaltato un tratto di strada. Per la precisione, l’associazione “Innamorarsi di Sbarre” ha ringraziato il Consigliere Delegato Mario Cardia per essere stato presente nello svolgimento dei lavori che hanno interessato il rifacimento stradale in Via Cantaffio. “Un segnale importante per la periferia sud della nostra città, una strada questa di collegamento tra la via Sbarre Centrali e il Grande Ospedale Metropolitano Bianchi – Melacrino – Morelli dove da anni non veniva effettuata una manutenzione importante come questa”, si legge nel comunicato.

Nel 2022, in riva allo Stretto, ci dobbiamo accontentare di questo. Mentre un pezzo d’Italia, e buona parte d’Europa, guarda avanti e vola, a passi da gigante, in fatto di tecnologia e infrastrutture, a Reggio Calabria si ringrazia perché la politica ha asfaltato un pezzo di strada. Sia chiaro: lo si è fatto dopo anni e, quindi, meglio tardi che mai. Anzi, ben felici che sia così, nella speranza che questo possa essere solo il primo passo per mettere una pezza ad altri tratti stradali, dal centro alle periferie, e si torni alla normalità. Sì, perché di normalità si tratta. Asfaltare un tratto di strada, in un’epoca in cui nel mondo si viaggia più veloce della luce e si comunica a centinaia di migliaia di chilometri di distanza, è normalità. Stretta di mano, sorriso e si va avanti. Ringraziare un politico per essere stato presente ai lavori per un rifacimento di un tratto stradale è come ringraziare ogni giorno il netturbino che ritira il rifiuto quotidiano o esultare perché scende acqua fresca e pulita dai rubinetti di casa nostra o perché tutte le aiuole della città sono ordinate.

“L’associazione – si legge ancora nel comunicato – è nata nel dicembre 2018 grazie all’iniziativa spontanea di cittadini volontari che si sono occupati di ridare decoro e dignità – ripulendo tutta l’area – ad un piccolo polmone verde situato nella zona residenziale di via Botteghelle, nei prossimi giorni è in programma un nuovo intervento di pulizia e decoro per questa area che stiamo programmando con i volontari tesserati, per tutte le attività che stiamo svolgendo ci teniamo a porgere i ringraziamenti al consigliere comunale delegato Mario Cardia per la presenza e l’attenzione al quartiere di sbarre che dimostra quotidianamente”, si conclude la nota. Tanto di cappello, piuttosto, quello sì, ai membri di questa associazione che per anni, con volontà, hanno ripulito l’area al posto di chi avrebbe dovuto realmente occuparsene.