Categoria: 1° PIANOCALABRIAEDITORIALIFOTO & VIDEOFoto CalabriaFoto Reggio CalabriaGalleryINTERVISTENEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria eccellenza nella cura dei tumori: terapie CAR-T, nuova speranza per i malati inguaribili | INTERVISTE

La terapia CAR-T viene considerata il futuro nel trattamento dei tumori: fa tappa a Reggio Calabria la campagna di informazione itinerante promossa da AIL

Nella mattinata odierna, presso il Torrione Hotel di Reggio Calabria, si è svolto un importante incontro riguardante la medicina, in maniera più specifica il trattamento dei tumori. Il titolo dell’evento è “CAR-T: un viaggio intorno alla grande innovazione che sta cambiando il futuro del trattamento dei tumori”. Si tratta di una campagna itinerante, che ha fatto tappa nelle principali città italiane, promossa da AIL con l’obiettivo di offrire percorsi informativi e favorire il confronto tra pazienti, specialisti e istituzioni in merito alle terapie CAR-T.

Che cosa sono le terapie CAR-T?

Le CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T cell therapies) vengono considerate la nuova frontiera della medicina personalizza nel campo dei tumori. La loro importanza è dovuta al fatto che rappresentano un’opzione terapeutica per tutti quei pazienti in cui le terapie standard (chemioterapia e trapianto di cellule staminali emopoietiche) non hanno dato alcun risultato: pazienti che dunque risulterebbero inguaribili. Con la terapia CAR-T i linfociti T prelevati direttamente dal sangue del paziente, vengono ‘armati’ modo tale da esprimere sulla loro superficie il recettore CAR che li aiuta a riconoscere le cellule maligne e ucciderle, per poi essere reinfuse nel paziente stesso.

La prima terapia è stata autorizzata dall’EMA nel 2018, oggi sono già 4 quelle approvate a livello europeo e ce ne sono altrettante in fase di valutazione. In Italia esistono 30 centri autorizzati alla somministrazione. Queste terapie si sono dimostrate in grado di assicurare tassi di remissione completa fino all’82% per la leucemia linfoblastica acuta, il tumore più frequente in età pediatrica, tra il 40 e oltre 50% per due linfomi non-Hodgkin molto aggressivi come il linfoma diffuso a grandi cellule B e linfoma primitivo del mediastino, una risposta completa nel 67% dei pazienti con Linfoma a cellule mantellari recidivante o refrattario, oltre a un importante miglioramento della sopravvivenza (2 anni per il 51% dei pazienti) nel mieloma.

La campagna promossa da AIL

Le terapie CAR-T rappresentano una grande speranza in ambito medico, ma come ogni novità, in particolar modo di tale portata, sollevano dubbi e interrogativi legati alla sicurezza, ai costi, alle modalità di accesso. Per rispondere a tali quesiti AIL (associazione Italia contro Leucemie, linfomi e mieloma) ha deciso di promuovere l’iniziativa odierna, parte di una campagna di informazione e sensibilizzazione sul tema. L’obiettivo di tali incontri è quello di far capire che le terapie CAR-T rappresentino un’arma molto efficace, ma siano indicate solo per alcuni tipi di malattie ematologiche e solo per pazienti con requisiti adeguati, da somministrare in Centri autorizzati. Oltre agli incontri in presenza, le attività della campagna prevedono una landing page dedicata all’interno del sito dell’AIL con tutte le informazioni di maggior rilevanza riguardanti le terapie CAR-T, insieme a una mappa dei Centri autorizzati alla somministrazione. Il tutto arricchito da un video-racconto nel quale Andrea Grignolio, Docente di Storia delle Medicina e Bioetica dell’Università San Raffaele di Milano – CNR Ethics, narra il percorso di scoperta che ha portato a questo approccio nel trattamento dei tumori.

Terapie CAR-T a Reggio Calabria, dott.ssa Sembianza (AIL): “grande innovazione nella lotta al tumore, sanità reggina diventerà eccellenza” | VIDEO

Terapie CAR-T a Reggio Calabria, dott.ssa Sembianza (AIL): “innovazione nella lotta al tumore, sanità diventerà eccellenza” | VIDEO

Reggio Calabria centro di eccellenza

Una cura innovativa che sarà possibile applicare anche a Reggio Calabria, una . Spesso la sanità reggina, o più in generale quella calabrese, viene citata nella cronaca per aspetti legati alla malasanità, questa volta si parla di una vera e propria eccellenza a livello nazionale. Il dottor Canale, dirigente medico UOC Centro Trapianti Midollo Osseo, Dipartimento OncoEmatologico e Radioterapico del Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli, intervenuto ai nostri microfoni spiega che Reggio Calabria è riconosciuta “Reggio Calabria è stato il primo centro del Sud Italia a procedere con le terapie CAR-T. Abbiamo già eseguito numerose somministrazioni su pazienti con patologie molto difficili, guardiamo al futuro con grande voglia per crescere sempre più, ma già oggi, a livello italiano, siamo riconosciuti come uno dei principali centri delle terapie cellulari“.

Grazie alla somministrazione delle terapie CAR-T, presso il Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli, centro di alto profilo e competenza presente sul territorio e autorizzato alla somministrazione, i cittadini di Reggio Calabria e i calabresi non dovranno più effettuare viaggi della speranza per sottoporsi a cure importanti e delicate. In riva allo Stretto potranno arrivare pazienti da tutto il Sud Italia per sottoporsi alla terapia e combattere un male che da oggi, anche a Reggio Calabria, fa un po’ meno paura.

Il dott. Martino spiega il funzionamento delle Terapie CAR-T: l’innovazione della lotta ai tumori a Reggio Calabria | VIDEO

Terapie CAR-T a Reggio Calabria, dott. Canale: “già effettuate numerose somministrazioni, siamo riconosciuti a livello nazionale” | VIDEO

Terapie CAR-T a Reggio Calabria, dott.ssa Pucci: “cure importanti anche per i bambini. Il lavoro in laboratorio fa la differenza”| VIDEO