fbpx

Messina, Boccia: “città tradita da De Luca, con De Domenico tornerà protagonista in Italia ed Europa”

boccia de luca messina

Messina, Boccia ancora contro De Luca: “smentito dai numeri su Covid e Pnnr. Con De Domenico la svolta per la città”

Prosegue senza sosta il botta e risposta tra Francesco Boccia, deputato PD e responsabile Enti locali della Segreteria nazionale e Cateno De Luca, ex sindaco di Messina. In una nota Boccia spiega: “così come da impegno assunto a Messina lo scorso 6 maggio, in occasione della presentazione della candidatura a sindaco di Franco De Domenico, diffondiamo i dati reali e certificati che confermano la falsificazione della realtà da parte dell’ex Sindaco Cateno De Luca che continua a prendere in giro i messinesi”. “La Città di Messina, sul Covid – sottolinea- contrariamente a quanto affermato pubblicamente dall’ex Sindaco De Luca e dalla sua Assessora Musolino, ha ottenuto dal Governo Conte II nel 2020 risorse aggiuntive, per fronteggiare l’emergenza pandemica, pari a 13.956.700, tra ristori specifici di spesa, di entrata e per ristorare le funzioni fondamentali. Nell’anno 2021 dai due Governi che si sono succeduti (Conte II e Draghi) il Comune di Messina, per le stesse funzioni, ha ottenuto 9.995.899 di risorse aggiuntive. Quindi –rimarca– complessivamente, per fronteggiare l’emergenza Covid alla città di Messina lo Stato centrale ha trasferito 23.952.599 che sono stati aggiuntivi rispetto all’aumento del fondo di solidarietà comunale nazionale e alle risorse aggiuntive trasferite su asili nido, trasporto disabili e servizi sociali, che saranno assicurate anche nel 2022. È quindi falso e priva di qualsiasi fondamento la tesi secondo cui l’ex amministrazione comunale avrebbe fronteggiato il Covid da sola e con risorse proprie. A Messina, così come per tutte le città italiane, grazie agli scostamenti di bilancio concordati con Bruxelles e autorizzati dal Parlamento, sono state trasferite tutte le risorse necessarie a fronteggiare l’emergenza. E quando le risorse non sono state utilizzate è solo a causa dell’incapacità dell’amministrazione De Luca. Ma il tema più grave della falsificazione mediatica di De Luca e del suo fantomatico candidato, Federico Basile, è l’effetto che viene fuori dal tradimento dell’ex Sindaco alla città sulle risorse del PNRR”.

“Sul PNNR – evidenza- proprio nei mesi in cui serviva il massimo impegno dell’amministrazione comunale per trasformare le opportunità del PNRR in progetti realizzabili, l’ex Sindaco De Luca, inseguendo esclusivamente le sue ambizioni politiche, ha portato il comune allo scioglimento paralizzando l’attività amministrativa. Nell’area metropolitana di Messina non sono mai state assegnate nella storia recente tante risorse quante ne assegna il PNRR in questi anni: 262.917.606 milioni per la città metropolitana e 114.653.859 per il Comune di Messina. Si tratta di somme assegnate dallo Stato centrale nell’ambito della ripartizione nazionale alle città metropolitane e ai comuni capoluogo. Ma fin qui questo è il risultato del lavoro e degli impegni istituzionali mantenuti dal governo giallorosso di Conte che ha fortemente voluto e ottenuto il Recovery in Europa, nonostante le resistenze la iniziale contrarietà di una parte dei partiti di destra e successivamente l’attuazione dello stesso piano effettuata dal Governo Draghi. E l’Impegno del comune di Messina? Fin lì zero. Perché le risorse era necessario che venissero stanziate. E cosa fa l’ex Sindaco De Luca? Quando diventavano obbligatori gli ulteriori adempimenti tra Comune o città metropolitana e Ministero titolare della misura, come la sottoscrizione dell’atto di adesione e i relativi obblighi, lui scioglie il comune e mette in crisi la città metropolitana. Ora serve una corsa contro il tempo, che noi faremo con De Domenico Sindaco, perché è necessario avviare le procedure di affidamento, al fine di rispettare “milestone e target”, previsti dal Piano, pena la revoca stessa delle risorse. Ad oggi abbiamo una certezza, nessun affidamento è stato firmato e non sappiamo se il Commissario, tra mille difficoltà, stia procedendo in tal senso. L’unica consolazione è che da oggi inizia il conto alla rovescia e tra un mese esatto Messina avrà un grande Sindaco come De Domenico che ricollegherà la città e l’intera area metropolitana alle istituzioni nazionali ed europee”, conclude.

Messina, De Luca replica a Boccia: “ma quali risorse? Negli uffici della ragioneria non vi è traccia”