fbpx

“Salvate la Reggina”: il tempo stringe e i tifosi domenica scendono in piazza

campagna abbonamenti reggina tifosi Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

L’iscrizione al prossimo campionato di Serie B della Reggina dipende dall’arrivo di una nuova proprietà, i tifosi stanno vivendo giorni di grande preoccupazione: domenica l’incontro con le istituzioni

Ogni giorno in più che passa le sensazioni diventano sempre più negative. Sono ore d’ansia quelle che stanno vivendo i tifosi amaranto, dopo l’arresto del presidente Luca Gallo infatti per iscrivere la Reggina al prossimo campionato di Serie B è necessaria una corsa contro il tempo. Al momento non ci sono da registrare altre novità se non quelle dell’interessamento di alcuni soggetti nei confronti del club. Ed il tempo stringe. E’ per questo motivo che domenica 15 maggio, alle ore 17.30, con appuntamento presso Piazza Garibaldi, i sostenitori si riverseranno in strada per gridare: “Salvate la Reggina”.

In una nota stampa i tifosi hanno dato le disposizioni: “da Piazza Garibaldi ci sposteremo in marcia fino a Piazza De Nava per poi arrivare fin sotto al palazzo del Comune di Piazza Italia dove avremo un incontro con le istituzioni politiche reggine. Raccomandiamo a tutti la massima collaborazione e di portare con sé un vessillo amaranto. Mai avremmo pensato di dover scendere in strada per chiedere a qualcuno di salvare la nostra storia, ma quanto sta accadendo ci obbliga a farlo. Sono giorni duri e di angoscia dove si deciderà il futuro della Reggina e dei suoi tifosi che non meritano tutto questo. C’è il nostro simbolo da difendere e onorare. Quello dei 108 anni di gioie, dolori, passione ed emozioni. Quello dei nostri nonni e dei nostri padri. Quello della nostra vita. Quello che rappresenta un patrimonio per la nostra città”.

“Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. Sarà il giorno della verità, dove chi ha a cuore le sorti della Reggina non potrà mancare. Mostriamo a tutta Italia cosa rappresenta Reggio e la Reggina per tutti noi, difendiamo la nostra storia e la nostra matricola, quella in cui abbiamo sempre creduto e mai abbandoneremo. Sveglia Reggio, prima che sia troppo tardi”, conclude la nota dei tifosi che dunque si mobilitano per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica prima che la situazione divenga controvertibile.