fbpx

Ha fatto le tre dosi di vaccino, ma riceve l’avviso dall’Agenzia delle Entrate. Libero Sindacato Polizia: “è semplicemente ridicolo”

covid aifa vaccino quarta dose Foto di Massimo Percossi / Ansa

L’interessata si è già adoperata per quanto attiene la contestazione del procedimento

“E’ ridicolo”, ha dichiarato il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto, quanto verificatosi a danno di una donna ex assessore comunale di Trieste. “Sebbene la signora è regolarmente vaccinata – spiega il sindacalista – con dose booster e Green pass rilasciato dal ministero della Salute, ha ricevuto la comunicazione di avvio del procedimento sanzionatorio nei suoi confronti per l’inosservanza degli obblighi vaccinali previsti dalla normativa. L’interessata si è già adoperata per quanto attiene la contestazione del procedimento”.

“Parrebbe – ha proseguito de Lieto – che situazioni analoghe si siano verificate in altre parte d’Italia. Questo ed altri episodi verificatisi dimostrano l’inefficienza gestionale della “macchina organizzativa” del nostro Paese, che a parere del LI.SI.PO., è “sempre più alla deriva”. Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) invita il Presidente Draghi e l’intero esecutivo a legiferare una sanatoria che preveda la cancellazione delle sanzioni di 100 euro per tutti coloro i quali non si sono vaccinati ed inoltre lasciare libera scelta ai cittadini di vaccinarsi o rifiutare il vaccino. Il LI.SI.PO. – ha rimarcato de Lieto – chiede al ministro della Salute Roberto  Speranza ed al Presidente del Consiglio Mario Draghi di pubblicare i numeri di eventuali stranieri entrati irregolarmente in Italia che si sono vaccinati e nel caso contrario, il numero di quelli a cui è stato recapitato la nota di avvio del procedimento sanzionatorio. Quanto sopra richiesto – ha concluso de Lieto – nel rispetto delle vigenti leggi dello Stato italiano che tutti sono tenuti all’osservanza ivi compreso, stranieri e profughi”.