fbpx

Stati generali del turismo, Mancuso: “riqualificazione del settore priorità per la Calabria”

Filippo Mancuso

“Non si può prescindere dalla piena collaborazione tra pubblico e privato, dalla qualità delle infrastrutture turistiche e dall’investimento sulla formazione della filiera”, sottolinea il presidente del Consiglio regionale della Calabria

“Trovo di grande interesse la convocazione a Falerna da parte dell’Assessorato regionale, di tutti i soggetti che hanno ruolo nella galassia del turismo calabrese. Abbiamo bisogno di progettualità fondate su analisi di scenario sull’evoluzione dei consumi turistici, ma anche dell’ascolto di chi opera sul territorio”. Così il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso, che aggiunge: “la riqualificazione dell’offerta turistica è una priorità strategica che deve abbandonare la logica del breve periodo e dell’improvvisazione, e che, per mettere a valore le potenzialità della Calabria, deve intensificare le relazioni tra turismo, territorio e ambiente. In tal senso, è decisivo il potenziamento degli scali aeroportuali che la nuova governance della Sacal potrà assicurare, contemplando l’efficacia dei mezzi, gomma e ferro, per il raggiungimento di ogni meta turistica in tempi rapidi”.

“Non si può prescindere dalla piena collaborazione tra pubblico e privato, dalla qualità delle infrastrutture turistiche e dall’investimento sulla formazione della filiera – sottolinea Mancuso – . Sono dell’avviso che occorra pensare al turismo come a una vera e propria industria che promuova occupazione e coinvolga i nostri giovani che dispongono di un’ampia conoscenza delle lingue e di competenze digitali”. “E’ necessario omogeneizzare l’offerta e superare – conclude – la carenza dei servizi essenziali, per coinvolgere i mercati emergenti e il turismo di qualità, che è attratto dall’elemento esperienziale e dal rapporto con il ‘local’ che costituiscono il ‘nuovo lusso’ che il patrimonio storico, culturale, paesaggistico, ambientale e religioso della Calabria può senz’altro soddisfare”.