fbpx

Reggio Calabria, “intitolare il Parco Lineare Sud al compianto Antonio Camera”: la petizione firmata da ex Assessori e Consiglieri | FOTO e VIDEO

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggio Calabria, questa mattina è stata consegnata a Palazzo San Giorgio la petizione – firmata da ex Assessori e Consiglieri – per intitolare il Parco Lineare Sud al compianto Antonio Camera, esponente della fu “Primavera di Reggio” venuto a mancare esattamente un mese fa

“Con la presente petizione, nel trigesimo della morte, noi sottoscritti, richiediamo per volontà popolare ‘intitolazione del Parco Lineare Sud al compianto già assessore Antonio Camera. Comincia così la petizione che una serie di ex Assessori e Consiglieri hanno oggi firmato per chiedere l’intitolazione del Parco Lineare Sud all’ex Assessore Antonio Camera, morto un mese fa.

“Un uomo non muore mai se c’è qualcuno che lo ricorda”. Vogliamo che le parole profetiche di U. Foscolo diventino patrimonio storico della città e ricordare, ad imperitura memoria, uno dei suoi figli migliori del nostro tempo, che l’ha servita con generoso amore, zelo, dedizione ed indefesso impegno”, si legge ancora nella petizione, che descrive la personalità dell’uomo: “Camera ha incarnato, nella sua lunga esperienza amministrativa, l’impegno politico come vocazione, come missione, divenendo un protagonista assoluto, indiscusso di quella irripetibile, esaltante stagione politica, ormai, unanimemente riconosciuta come la “Primavera di Reggio”. Aveva il culto delle istituzioni democratiche, del dovere, del senso di appartenenza: la città prima di tutto e sopra ogni cosa. Il lavoro per lui assumeva aspetti sacrali, imprescindibili: tutto poteva essere differito, dilazionato, rimandato, trascurato, finanche gli affetti più cari, tranne il bene, l’interesse immediato di Reggio e dei suoi cittadini. L’appello accorato che rivolgiamo alle Autorità in indirizzo per un benevolo accoglimento dell’istanza, dunque, vuole essere un segno, una traccia. un’impronta di modello di Amministratore da tramandare alle future generazioni come esempio luminoso di filiale devozione verso la città e il suo futuro”, si chiude la petizione, consegnata questa mattina alle ore 10 a Palazzo San Giorgio. Tra i firmatari, come si può vedere nelle immagini a corredo dell’articolo, l’Architetto Giuseppe Falduto e il Dottore Demetrio Pellicanò, esponenti insieme a Camera della sopracitata “Primavera di Reggio”. Presenti anche il figlio e il fratello di Camera, gli ingegneri Matteo e Domenico.

Di seguito le interviste a Falduto e Pellicanò, entrambi hanno voluto mettere in evidenza un fatto: la petizione è stata firmata trasversalmente da tanti ex Assessori e Consiglieri di colore politico differente all’epoca del periodo d’oro della città.

Falduto: “un gesto dovuto, Camera ha voluto bene a Reggio Calabria” | VIDEO

Pellicanò: “Camera ha lasciato un segno indelebile nella storia di Reggio Calabria” | VIDEO