fbpx

Klaus Davi fa coming out in TV: “da piccolo ero un gay bullo”

Klaus Davi Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

La nota di Klaus Davi intervistato da Eleonora Daniele a “Storie Italiane” su Rai 1

Io questa storia del gay-vittima non l’ho mai tollerata. Non mi ci riconosco. Vissi la mia infanzia in Svizzera e poi in Belgia, piuttosto che seguire il Vangelo seguivo l’Antico Testamento e rispondevo per le rime. Per capirci, se mi picchiavao, non sempre erano rose e fiori. C’era qualcuno che mi dava del gay e mi insultava. Ma io non porgevo l’altra guancino, mi difendevo e menavo anche io. Parliamo delle elementari e del ginnasio alla scuola europea. Non ero uno che porgeva l’altra guancia. Ovviamente era tutto sbagliato, sia l’aggressione che la contro-aggressione. Ma allora ragionavo cosi“. Lo ha dichiarato Klaus Davi, intervistato da Eleonora Daniele a “Storie Italiane” su Rai 1.

“Sono sempre stato di scorza dura. Qualche anno fa decisi di candidarmi a San Luca in Aspromonte (RC). Non si votava da 11 anni per le infiltrazioni mafiose. Tutti mi dicevano “ma sei pazzo, ti candidi nel cuore della Ndrangheta?”. Tutti mi scoraggiavano. Mi sono presentato alla comunità e ho detto: “mi candido”. All’inizio non è stato facile. Ma poi mi sono imposto ed è nato un bellissimo rapporto con quella stessa comunità. Fui eletto in consiglio comunale contro tutte le previsioni. Con molto tatto qualcuno mi chiedeva “ma è vero che sei gay?” e io rispondevo “sì, ma anche noi gay abbiamo le palle!””, ha aggiunto poi Davi.