fbpx

Epatiti acute nei bambini, Federico (ISS): “potrebbero essere causate dai vaccini anti Covid fatti dagli adulti”

coronavirus

Epatiti acute nei bambini: “chi si è vaccinato contro il Covid potrebbe avere sviluppato un virus mutante che ha infettato i bambini”

In riferimento all’aumento dei casi di epatiti sui bambini, su La Verità di oggi si legge che “I vaccini potrebbero favorire le epatiti“. Per il momento in Italia i casi confermati sono 4, ma le segnalazioni al vaglio degli esperti sono numerose. Tra le ipotesi sulle cause della malattia acuta che colpisce i bambini ci sono anche gli adenovirus, in Olanda e in Gran Bretagna è stato rilevato in 74 casi, mentre in 19 casi era associato ad un’infezione da Covid.

Secondo il responsabile del Centro nazionale per la salute globale dell’IssMaurizio Federico, “la vaccinazione di massa con vaccini a vettore adenovirale potrebbe aver favorito eventi ricombinativi con gli adenovirus che tutti noi ospitiamo normalmente. Per mestiere gli adenovirus ricombinano, cioè si cambiano pezzi di genoma. Possono così essere emersi dei virus mutanti, che possono essere facilmente trasmessi per via respiratoria. Questi nuovi virus sarà più facile che facciano danno negli ospiti che ancora non hanno sviluppato immunità naturale, come appunto i bambini“.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha affermato che “è escluso un legame con il vaccino anti Covid, perché non è disponibile per le fasce di età in cui si sono verificate (le epatiti, ndr). Ed è escluso un legame con il Sars-Cov-2, salvo cross-reattività o una concomitante infezione“. L’ipotesi “più verosimile sembra essere l’adenovirus, che in genere non provoca epatiti ma, in concomitanza con un’altra infezione o altri fattori, può causare un danno epatico. Nella maggioranza dei casi è stata identificata positività all’adenovirus. Ma non basta a stabilire una relazione“, precisa Sileri.

Le affermazioni di Maurizio Federico non contrastano con quanto affermato da Pierpaolo Sileri, dato che secondo l’esperto dell’Istituto Superiore di Sanità, la profilassi anti Covid può aver facilitato la nascita di virus mutanti in chi si è effettivamente vaccinato e questi ultimi potrebbero aver contagiato i piccoli che, non avendo immunità naturale, hanno sviluppato l’epatite.