fbpx

Corrireggio 2022, l’attrice Cristina Parku: “correre per emanciparsi. E quel messaggio contro i pregiudizi” | INTERVISTA

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Il Liceo da Vinci di Reggio Calabria ospita la proiezione del film “L’Afide e la formica” come evento correlato alla Corrireggio 2022: la storia di Fatima, giovane maratoneta, si lega allo spirito della corsa. L’attrice Cristina Parku ne parla ai nostri microfoni

Nuovo evento di avvicinamento alla Corrireggio 2022, la famosa gara podistica che, dopo 2 anni ‘social’, torna finalmente in presenza. Si torna a correre, senza restrizione alcuna, per lasciarsi la pandemia e i suoi spettri alle spalle. Quest’oggi, presso il Liceo scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria, è stato proiettato il film “L’Afide e la Formica”, pellicola a firma di Mario Vitale che racconta la storia di Fatima (Cristina Parku), giovane ragazza di origini marocchine che attraverso lo sport realizza se stessa e si slega dalle rigide norme imposte dalla madre.

Una storia calabrese, di integrazione fra culture diverse, che trova compimento attraverso la corsa, Fatima è infatti una maratoneta: punto di congiunzione con la Corrireggio che si terrà il prossimo 25 aprile. Ai microfoni di StrettoWeb, l’attrice reggina Cristina Parku ha parlato dell’importanza della Corrireggio e della bellezza di tornare a fare sport all’aria aperta: “è bellissimo, è meraviglioso! Stare insieme, fare arte, musica, tutto quanto abbiamo sempre voluto fare e siamo stati costretti a non fare, a fare in piccolo o a non fare stando a casa, ad allenarci da soli con un video su YouTube“.

Cristina ha poi spiegato il significato dello sport per Fatima, il personaggio che interpreta nel film. La corsa diventa un modo per evadere, ma anche per realizzare se stessi. “per Fatima lo sport è importantissimo, come con me lo è stato la recitazione e la musica. Per lei correre vuol dire ‘scappare’. Per molti ragazzi lo sport o l’arte vogliono dire ‘scappare’. Così giovani, spesso abbiamo bisogno di incanalare le nostre energie e per emanciparci. Per Fatima è stata la corsa, per me la musica e la recitazione“, ha dichiarato Cristina.

Una prima grande esperienza al cinema per Cristina, affiancata da un grande attore come Beppe Fiorello. Chissà cosa le riserverà il futuro… lei ha le idee chiare: “per i progetti futuri… speriamo bene! Recitare di fianco a Beppe è stato molto importante. La mia prima esperienza al cinema, partire in quarta con Beppe è stato strepitoso. Mi ha insegnato molte cose, anche solo guardando alcuni atteggiamenti e modi di fare. Per il futuro spero che l’Italia si renda conto che la mia faccia non sia per per forza associabile ai ruoli di una ragazza straniera, una cameriera, una prostituta. Lo dico per scardinare certi tabù nel mondo del cinema e del teatro. Spero che per il futuro ci siano ruoli diversi per ragazze che sono italiane a tutti gli effetti“.

Successivamente, ai nostri microfoni è intervenuta anche la dirigente del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, Serenella Corrado, che ha sottolineato l’importanza dell’evento ospitato dall’istituto che conferma, ancora una volta, la propria attenzione verso la legalità, lo sport e l’attenzione verso la formazione a 360° dei propri studenti: “come scuola abbiamo sostenuto ampiamente l’idea della ripartenza per fornire ai ragazzi un’opportunità per pensare al futuro con maggior ottimismo. Lo sport rappresenta uno dei valori fondanti per il raggiungimento del benessere olistico dei ragazzi. In questo momento il benessere è quello a cui auspichiamo come istituzioni scolastiche. La Corrireggio è uno degli appuntamenti che Reggio attende maggiormente e che la scuola ha già anticipato con la Giornata dello Sport, aderendo all’iniziativa istituita dall’Onu della Giornata Mondiale dello Sport. Accogliamo l’invito di Legambiente e dell’amico Nuccio Barillà ospitando la visione del film “L’Afide e la Formica”, in cui è protagonista Cristina Parku, alunna delle scuole reggine. Una grande artista, la sua presenza e la sua capacità interpretativa è l’espressione massima del livello di inclusività che lo sport valorizza“.

Corrireggio 2022, l’attrice Cristina Parku: “sport meraviglioso, ma si corre anche per scappare. Futuro? Ecco che ruolo vorrei” | VIDEO

Corrireggio 2022, Serenella Corrado: “sport fondamentale per il benessere dei ragazzi. Il Liceo Da Vinci sempre in prima linea” | VIDEO