fbpx

Si accascia all’improvviso sul campo da calcetto: aperta inchiesta sulla morte di Piero Sonaglia, tecnico dei programmi di Maria De Filippi

morte improvvisa piero-sonaglia-collaboratore-di-maria-de-filippi

Secondo il referto del medico a causare il malore del 51enne “potrebbe essere stato anche un trauma subito durante un’azione di gioco e uno scontro con un altro calciatore in campo”, ma sarà l’autopsia a fare chiarezza

“Si è accasciato ed è morto subito dopo aver finito di giocare una partita movimentata di calcetto a Ostia con il figlio 25enne”. E’ quanto riporta la Repubblica sul decesso di Piero Sonaglia, 51 anni, l’assistente di studio Mediaset e in particolare dei programmi di Maria De Filippi, si presume morto a causa di un infarto mentre insieme ad amici e compagni rientrava negli spogliatoi. La tragedia è avvenuta venerdì sera in un campo di calcetto di via Amenduni, dove gioca anche l’Ostiamare, vicino all’ospedale Grassi. A Ostia il tecnico di studio aveva una casa, si era trasferito da qualche tempo lì con la nuova compagna vicino alla spiaggia di piazzale Magellano.

I soccorsi degli operatori del 118 si sono rivelati inutili: quando sono giunti hanno potuto riscontrare il decesso. Sulle cause della morte saranno effettuati accertamenti. Secondo il referto del medico a causare il malore “potrebbe essere stato anche un trauma subito durante un’azione di gioco e uno scontro con un altro calciatore in campo”. Piero Sonaglia, lo scorso novembre era stato ricoverato in terapia intensiva per una forma grave di Covid. Sarà l’autopsia disposta dal Procura a stabilire le reali cause del decesso e fare chiarezza. L’esame sarà eseguito presso l’istituto di Medicina legale dell’università di Tor Vergata.

Il cordoglio e il ricordo dei colleghi di Mediaset

Innumerevoli i messaggi di incredulità e cordoglio diffusi sui social all’indirizzo dello stimato professionista. Negli studi Mediaset, Sonaglia era un tecnico molto stimato. Da oltre vent’anni ha curato programmi di successo di Maria De Filippi come “Uomini e donne” e “Tu si que vales”.  Già da giovanissimo, a soli 20 anni, si era fatto conoscere per aver collaborato a “La Corrida”, la popolare trasmissione ideata da Corrado. Tanti i messaggi di cordoglio a cominciare da quello sui social di Maria De Filippi: “fa davvero malissimo. La tua voce, il tuo volto, il tuo sguardo attento, il tuo modo di esserci, la capacità di ascoltare. E ogni volta che sarò in studio non smetterò di cercare il tuo sguardo nella certezza che ti troverò, che mi capirai in un secondo come sempre, nella certezza che alzerai il pollice per dirmi che va tutto bene. Ti ho voluto bene, ti voglio bene e te ne vorrò sempre”.