fbpx

Auto si schianta contro il cancello dell’ambasciata russa a Bucarest, un morto | FOTO

/

Bucarest, identificato il cadavere dell’uomo che nelle prime ore di stamane si è lanciato con la sua auto contro l’entrata dell’ambasciata russa

Un’auto si e’ schiantata contro il cancello dell’ambasciata russa a Bucarest prendendo fuoco. Il conducente e’ morto. Lo afferma la polizia della capitale rumena, riferisce l’Associated Press online. Il fatto e’ avvenuto questa mattina intorno alla 6, l’auto si e’ schiantata contro il cancello, ma non e’ entrata nel complesso dell’ambasciata. Un video comparso sui social mostra il veicolo avvolto dalle fiamme, mentre il personale di sicurezza accorre nell’area. I vigili del fuoco sono riusciti a domare l’incendio, ma l’automobilista e’ morto sul colpo. Al momento non ci sono ulteriori informazioni. La polizia romena ha identificato il cadavere dell’uomo che nelle prime ore di stamane si e’ lanciato con la sua auto contro l’entrata dell’ambasciata russa di Bucarest, un’azione che ha provocato la sua morte immediata. Si tratta dell’avvocato Bogdan Draghici, che nel suo ultimo post su Facebook prima dell’insano gesto, aveva condannato l’invasione della Russia e scritto: “sono anche io ucraino”. Secondo i media locali, Draghici ieri era stato condannato a 15 anni per aver abusato di sua figlia e, dunque, il suo sarebbe stato un suicidio coperto e accompagnato da motivi politici. Draghici era salito alla ribalta negli anni scorsi anche per le battaglie dei diritti dei padri portate avanti con l’associazione T.A.T.A della quale era presidente.