fbpx

Antitrust, M5s: “calmierare i prezzi dei traghetti sullo Stretto di Messina, tariffe ridotte ai residenti delle due province”

Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Antitrust, la nota dei parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle

L’Autorita’ Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una sanzione di oltre 3,7 milioni di euro alla Caronte & Tourist S.p.A., societa’ che gestisce i traghetti sullo Stretto di Messina. L’Autorita’ ha accertato che C&T, in posizione di monopolio, ha sfruttato il suo potere di mercato applicando tariffe sproporzionate rispetto ai costi sostenuti, con guadagni eccessivi. Gia’ due anni fa, in piena pandemia, avevamo segnalato la problematica del caro tariffe dei traghetti, chiedendo che il personale sanitario potesse viaggiare gratuitamente. Ora bisogna intervenire urgentemente per calmierare i prezzi: i costi sono assolutamente ingiustificati ed insostenibili per coloro che per ragioni di lavoro, di studio e di salute continuano giornalmente a fare la spola tra Calabria e Sicilia“. Lo affermano i parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle, Auddino, Orrico, Ferrara, Melicchio. “Non possiamo accettare – proseguono – che una societa’ sfrutti a danno dei consumatori il fatto di essere l’unica operante sul mercato, applicando tariffe elevate senza alcuna giustificazione. Per questo motivo, chiediamo che le Regioni Calabria e Sicilia, la Provincia di Messina e la Citta’ Metropolitana di Reggio Calabria si attivino per calmierare il costo dei biglietti assicurandosi, altresi’, che la societa’ applichi tariffe ridotte ai residenti delle due province interessate e ai pendolari“.