fbpx

Caro carburante: la Commissione di garanzia per lo sciopero boccia lo stop degli autotrasportatori

protesta autotrasportatori Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

La Commissione di garanzia per lo sciopero boccia lo stop degli autotrasportatori previsto da domani, lunedì 14 marzo, per sensibilizzare il Governo ad attuare delle soluzioni immediate per risolvere il problema del caro carburante

Da domani, lunedì 14 marzo, avrebbero dovuto fermarsi. Non una protesta, ma un’iniziativa pacifica “per cause di forza maggiore”. La Commissione di garanzia per lo sciopero, però, ha bocciato lo stop annunciato dagli autotrasportatori italiani tramite una nota di Trasportounito. Le aziende di autotrasporto a livello nazionale avrebbero praticamente sospeso i servizi per sensibilizzare il Governo ad attuare delle soluzioni immediate per risolvere il problema del caro carburante, che la scorsa settimana ha superato i 2 euro al litro e si appresta ad avvicinarsi ai 2,50. E’ stata una comunicazione del commissario delegato della Commissione, Alessandro Bellavista, a frenare sulla possibilità di avviare la mobilitazione. L’informativa inviata a Trasportounito-Fiap e ministeri delle Infrastrutture e Interno rileva il “mancato rispetto del termine di preavviso di 25 giorni” e richiama “l’obbligo di predeterminazione della durata dell’astensione”.