fbpx

Questione Rifiuti a Reggio Calabria, si va avanti con Teknoservice: il Consiglio di Stato accoglie la domanda cautelare del Comune

palazzo san giorgio tribunale teknoservice

Il Consiglio di Stato ha accolto la domanda cautelare del Comune in merito alla sospensione della sentenza che aveva permesso al Tar di accogliere il ricorso di Ecologia Oggi contro Teknoservice: quest’ultima continuerà dunque a gestire la raccolta dei rifiuti a Reggio Calabria

A Reggio Calabria continua a tenere banco la questione rifiuti. Teknoservice, aggiudicataria del bando del Comune, era succeduta ad Avr a fine 2021, ma Ecologia Oggi, altra partecipante alla gara, aveva successivamente presentato ricorso contro la società concorrente e contro il Comune in merito alle modalità di assegnazione del bando, vincendolo. Oggi, però, il Consiglio di Stato ha depositato un’ordinanza con cui accoglie la domanda cautelare presentata dal Comune in merito alla sospensione della sentenza che aveva permesso al Tar di accogliere il ricorso di Ecologia Oggi. “La domanda cautelare può essere accolta, fermo restando il divieto di stipulare il contratto con l’aggiudicataria in attesa della definizione nel merito della controversia”, si legge nella nota del Consiglio di Stato che dispone “il prosieguo della trattazione del merito dell’appello ad un’udienza che sarà fissata, con separato decreto, dal presidente della sezione”.

“La questione non è ancora completamente definitiva – le parole del Sindaco facente funzioni di Reggio Calabria Paolo Brunetti ai nostri microfoni – trattandosi per il momento solo di una sospensiva, ma ciò che ci conforta, come da parte nostra abbiamo sempre sostenuto, che non ci sarà nemmeno un giorno di interruzione del servizio. Nel momento in cui si procederà con l’udienza di merito capiremo di più rispetto a ciò che avverrà nei prossimi mesi. Come abbiamo sempre sostenuto noi non tifiamo né per l’una né per l’altra impresa partecipanti al bando. Ciò che ci interessa è il servizio e che sia svolto in maniera efficace ed efficiente. Ovviamente siamo convinti della bontà e della correttezza delle operazioni che ha svolto l’Amministrazione comunale sia in fase di indizione di gara che durante l’assegnazione dei punteggi effettuata dalla Commissione. Il Consiglio di Stato ad oggi non ci ha dato pienamente ragione – ha concluso Brunetti – ma ha accordato la sospensiva e questo è già un buon segnale. Attendiamo adesso la sentenza definitiva”.

Brunetti: “ancora nulla di definito, ma ci conforta il fatto che il servizio di raccolta non verrà interrotto” [VIDEO]