fbpx

Reggio Calabria, omicidio di Maria Rota: la Corte d’Appello riduce a 26 anni la condanna per Billy Sicat

reggio calabria omicidio maria rota billy jay sicat

Omicidio della tabaccaia Maria Rota, la Corte d’Appello di Reggio Calabria riduce a 26 anni di carcere la condanna per Billy Jay Sicat

La Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria ha condannato a 26 anni di reclusione per omicidio Billy Jay Sicat, 47 anni, cittadino filippino-americano da tempo residente in riva allo Stretto. Il 30 luglio 2019 Sicat ha aggredito e ucciso a colpi di machete la tabaccaia 66enne Maria Rota. Alla base della feroce aggressione, ci sarebbe stata la convinzione che la tabaccaia non “dava i numeri giusti” per vincere. Sicat, difeso dagli avvocati Mariateresa e Demetrio Pratticò, era stato condannato a 30 anni di carcere in primo grado: viveva a Reggio Calabria da molti anni e, secondo i vicini di casa, non aveva mai dato segnali di squilibrio tanto che i periti nel corso del processo lo avevano dichiarato “capace di intendere e di volere“. In ogni caso soffriva di ludopatia.

Reggio Calabria, il killer filippino-americano e il tabacchino maledetto: i tristissimi intrecci sull’omicidio di Maria Rota