fbpx

Reggio Calabria, Bombardieri (UIL RUA): “il Ministro Messa commissari immediatamente l’Accademia di Belle Arti”

Reggio_Calabria_Accademia_delle_belle_arti

UIL ha espresso preoccupazione per quanto sta accadendo all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, una delle più importanti Istituzioni della Regione

La UIL ha espresso preoccupazione “per quanto sta avvenendo all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria“. “Dopo anni di incertezza e lotte interne, sembrava che, con la proclamazione alla carica di Direttore del prof. Sacchetti ordinata dal Tar di Rc, le questioni dell’Accademia fossero giunte all’epilogo. Sembra proprio di no,” afferma in una nota il Segretario Generale UIL RUA Attilio Bombardieri.
Poco prima della proclamazione da parte della Commissione elettorale, si sono susseguite una serie di dimissioni: hanno rassegnato al Ministero le proprie dimissioni il Presidente dell’Accademia nonché Presidente del C.d.A. Dott.ssa Francesca Morabito, la Prof.ssa Paolina Giansiracusa e il Dott. Ottavio Amaro, anch’essi componenti del Cda.
Le motivazioni dell’accaduto al momento sono sconosciute ma, a nostro avviso, potrebbero essere la rappresentazione di quel malessere generale che ormai da troppo tempo coinvolge tutta la Comunità Accademica,” si spiega nella nota. “‘A pensare male si fa peccato, ma qualche volta si coglie nel segno’. Nell’ambiente dell’Accademia si vocifera che le dimissioni potrebbero essere una manifestazione di disappunto rispetto alla proclamazione del Prof. Sacchetti, che a quanto pare, per come riportato dai giornali nei giorni scorsi, si sia aggiudicato l’incarico in aperta violazione del regolamento e del bando delle elezioni, con solo undici voti a favore. Da più parti si è chiesto il commissariamento dell’Accademia al fine di risolvere una vicenda che sembra non avere fine e che mette a rischio un’Istituzione storica della Città Metropolitana di Reggio Calabria“.
La UIL RUA, conclude la nota, “chiederà l’immediato intervento della Ministra Messa al fine di commissariare e ristabilire la correttezza amministrativa, gestionale e giuridica di una delle più importanti Istituzioni della Regione Calabria che deve essere riportata alla sua “mission” principale e cioè essere fucina di Formazione, Arte e Cultura“.