fbpx
*** ALLERTA METEO ***
ARRIVA IL VIOLENTISSIMO 'CICLONE DI MALTA': SOS MALTEMPO, VENTO E NEVE
TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU www.meteoweb.eu

Battuta pessima sulla pornostar uccisa e fatta a pezzi, Zelig esclude Pietro Diomede: “disapproviamo”

pietro diomede escluso da zelig

Zelig ha escluso dalla programmazione il comico Pietro Diomede dopo la pessima battuta sulla pornostar Carol Maltesi (nome d’arte Charlotte Angie), uccisa e fatta a pezzi una settimana fa dal vicino di casa

Una battuta che definire pessima è anche poco, e non è l’unica. A pochissimi giorni dall’episodio tra Will Smith e Chris Rock, con lo schiaffo del primo al secondo per una battuta sulla malattia della moglie dell’attore, in Italia si torna a parlare di comicità (??). Pietro Diomede, infatti, ha scritto un tweet ancora più grave e rivolto a una giovane ragazza non malata, ma morta, uccisa e fatta a pezzi una settimana fa. Il riferimento è all’attrice porno Carol Maltesi (nome d’arte Charlotte Angie), 26enne ammazzata dal vicino di casa, Davide Fontana, e gettata in un dirupo dopo essere stata fatta a pezzi.

Nel giorno stesso della confessione dell’uomo, il comico italiano si è dato alla “pazza gioia” sui social con un post disgustoso, richiamando l’attenzione di diversi utenti che hanno segnalato il tweet. E, come detto, non è l’unico. Ce ne sono altri, scorrendo il profilo, meno gravi ma abbastanza offensivi, su altre vicende della quotidianità. Probabilmente questo tweet, però, ha scatenato le reazioni di tanti che hanno poi chiesto spiegazione a Zelig, programma televisivo in cui Diomede avrebbe dovuto esibirsi il prossimo 12 aprile. Avrebbe, appunto, perché non lo farà. “Abbiamo ricevuto – si legge in una nota ufficiale del noto programma – segnalazioni in seguito al tweet di un artista che avrebbe dovuto esibirsi presso lo Zelig (locale in viale Monza, a Milano, ndr) il 12 aprile. Ci dissociamo completamente da quel tweet che disapproviamo nella maniera più assoluta. Di conseguenza l’artista è stato escluso dalla programmazione di Zelig”.