fbpx

Da Messina l’ascesa di Nino Minissale: il “Pizzaiolo imbruttito” pronto a stupire la Toscana

nino minissale pizzaiolo imbruttito

Il noto pizzaiolo messinese inaugurerà domani il locale “Il laboratorio degli impasti” sul Corso Mazzini di Santa Croce sull’Arno

La crescita professionale in riva allo Stretto, poi il tuffo nel mondo del lavoro da imprenditore in Toscana. Domani, sabato 12 marzo, Antonino Minissale detto Nino, maestro pizzaiolo diplomato cinque anni fa alla scuola dell’arte bianca di Messina – la sua città d’origine – inaugura il locale “Il laboratorio degli impasti” sul Corso Mazzini di Santa Croce sull’Arno (vicino Pontedera, in provincia di Pisa). Dietro a questo nome c’è una filosofia che è alla base del modo di lavorare di Minissale, anche tecnico dei “Molini Riggi” di Caltanissetta. Tutte conoscenze culinarie sulle materie prime che arrivano direttamente dalla Sicilia.

“Il Pizzaiolo Imbruttito” – questo il soprannome che si è dato Nino Minissale dopo il diploma alla scuola di Messina – , è ormai un cittadino santacrocese a tutti gli effetti. Lo dimostra l’articolo pubblicato da La Nazione sull’evento di inaugurazione. Dopo aver aperto la propria attività a casa sua e della compagna Giada Masoni, il pizzaiolo ha deciso di dare ancora più visibilità alla sua impresa aprendo in corso Mazzini. E’ quello il luogo dove, già esattamente trent’anni fa, la sua compagna Giada deciso di intraprendere la sua attività commerciale. Minissale proporrà “la lavorazione degli impasti sia con la cucina tradizionale che con la vegan-friendly”. Per “Molini Riggi” ha preso parte a eventi di Slow Food e lo scorso anno ha fatto parte dello staff di “Casa Sanremo” come pizzaiolo.