fbpx

Messina, Bisignano a StrettoWeb: “vi dico la mia sulle elezioni comunali e città Metropolitana…”

Michele Bisignano

Messina, Bisignano a StrettoWeb: “la città Metropolitana? Il nuovo sindaco dovrà avere una visione che non guarda solo al Comune  ma anche all’intero territorio provinciale”

Michele Bisignano è stato assessore della Provincia di Messina, è animatore del gruppo di iniziativa civica “Rispetto Messina”, grazie alla sua esperienza è tra i maggiori conoscitori delle dinamiche politiche e sociali dell’Area dello Stretto. In una chiacchierata ai microfoni di StrettoWeb, ci ha parlato delle imminenti elezioni comunali, sul clima politico che si respira in città e sulla funzione della Città Metropolitana.

Tra qualche mese si voterà per il Comune di Messina, Lei come è collocato?

“Credo che il fatto nuovo di questa competizione elettorale sia costituito dalla presenza di una coalizione, definibile di centro/sinistra o democratica/progressista che già, a differenza di quanto viene sostenuto, lavora da tempo alla proposta per una “alternativa di governo” credibile per la città di Messina. E ciò grazie alla iniziativa, avviata tempo fa di un “tavolo” comune quale “Spazi di confronto” che ha visto insieme, per la prima volta, soggetti politici e movimenti e realtà civiche, accomunati dalla esigenza di confrontarsi su tematiche di rilievo per la nostra città. È auspicabile che questa unità di intenti divenga proposta politica amministrativa, aperta anche ad altri contributi, per una idea di “città -comunità”.

Sulla Città Metropolitana, ente a cui Lei tiene molto, cosa ci dice?

C’è un altro aspetto molto importante di cui ancora non si parla, e riguarda il fatto che il prossimo Sindaco di Messina sarà anche il Sindaco della Città Metropolitana; cioè dovrà avere una visione che non guarda solo al Comune di Messina ma anche all’intero territorio provinciale visto come “Area vasta”. E deve avere contezza delle condizioni in cui versa attualmente tale Ente che è stato gestito come uno strumento di potere personale senza il coinvolgimento dei rappresentanti dei territori, tanto che solo dopo la nomina del Commissario straordinario si parla di insediamento della “Conferenza Metropolitana”, costituita dai 108 Sindaci dei Comuni della provincia, che dovrebbe svolgersi il 1° Aprile, dato che non è mai stata insediata ed attivata dall’ex sindaco metropolitano, che, in tale occasione, “il sindaco non lo ha saputo fare”.

L’uso assiduo dei social ha creato polemiche a Messina, Lei cosa pensa?

“Una esigenza che si avverte fortemente e di cui la comunità messinese ha assolutamente bisogno è il ripristino di un clima di convivenza civile, ponendo fine alla diffusione pervasiva di quell'”odio da social” che ha creato fratture profonde. Spero che la competizione elettorale si possa svolgere all’insegna della ricerca del “consenso” partecipe e non del “voto” che spesso risente dei condizionamenti del meccanismo deleterio dello scambio”.