fbpx

L’esperto di tattica militare Piero Orteca al Rotary di Reggio Calabria: “la guerra è in Ucraina ma il vero scontro è tra Cina e Usa”

Piero Orteca

Reggio Calabria, Piero Orteca ha spiegato l’origine ed i possibili esiti della guerra in Ucraina

Mentre prosegue l’offensiva russa in terra ucraina che sta causando morte e distruzione con milioni di profughi in fuga, il Rotary Club Stretto di MessinaReggio Calabria Nord ha organizzato un evento con il dott. Piero Orteca, esperto di tattica militare ed economia dell’Est Europeo. Orteca, con estrema precisione e lucidità, ha spiegato l’origine ed i possibili esiti della scontro tra Russia ed Ucraina. Nel suo intervento, durante la diretta da remoto, l’esperto di economia dell’Est Europeo, analizza: “la Russia, rispetto a quello che si vuol far passare, non è del tutto isolata, perché, al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, l’India, la Cina e gli Emirati Arabi si sono astenuti nel condannare l’attacco in Ucraina, i quali hanno fatto il passo più lungo della gamba, abbindolati dalle promesse dell’Occidente di un’eventuale entrata nella Nato, cosa peraltro smentita a più riprese dai vari capi di Stato”, rimarca Orteca. “La Cina? Sta cercando di sopravanzare gli Usa come grande potenza e credo sia il territorio del Sud Est asiatico il teatro per uno scoppio di un conflitto mondiale. Si combatte in terra ucraina ma il vero scontro è tra queste super potenze per le varie sfere di influenza“, sottolinea.

Orteca su Putin: “dopo la conquista di Crimea ha fatto ciò che ha voluto”

Prosegue senza tentennamenti l’analisi di Piero Orteca: “Putin, dopo l’annessione della Crimea, ha fatto ciò che ha voluto nell’area, nel silenzio più assoluto della Nato e degli Stati Uniti, i quali adottano una politica estera da cialtroni con Biden che è il presidente peggiore della storia. Bisognava intervenire nel 2014 e prevedere le mosse del presidente russo”.

Orteca su Zelesky: “non è così limpido come vuol far passare”

Piero Orteca parla anche del presidente dell’Ucraina: “Zelesky non è cosi limpido, ha pressioni interne che lo spingono a dire un giorno una cosa ed un giorno un’altra. Purtroppo in una guerra quelli che ci vanno di mezzo sono i civili con donne e bambini. Non appena finirà lo scontro non sarà facile ricostruire con una nazione rasa al suolo, toccherà a noi e agli Usa dare una mano”.

Orteca: “l’Italia avrà numerosi contraccolpi dalle sanzioni a Putin”

“Non giudico se le sanzioni a Putin sono giuste o sbagliate, di certo l’Italia, così come gli altri Paesi europei, avrà numerosi contraccolpi da un punto di vista economico”, sottolinea Piero Orteca. “Di certo non siamo una nazione che galoppa e questo conflitto non ci aiuta. Se i russi chiudono i rubinetti del gas non so quanto riusciremo a resistere”, conclude Orteca.