fbpx

Guerra Ucraina, Lavrov: “negoziati difficili, gli ucraini cambiano sempre posizione”

Foto Ansa

Negoziati di pace complicati fra Russia e Ucraina: il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, punta il dito contro i “continui cambi di posizione” di Kiev

Nonostante i tentativi di sedersi al tavolo delle trattative per gettare le basi di un accordo di pace, il cessate il fuoco, a quasi un mese dallo scoppio del conflitto, non è ancora arrivato. Il motivo, secondo quanto dichiarato dal ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, nel corso di un discorso all’Istituto per le relazioni internazionali di Mosca, sarebbe da imputare a Kiev.

I negoziati fra Russia e Ucraina sono difficili perché gli ucraini cambiano continuamente posizione“, ha dichiarato Lavrov. Anche Volodymyr Zelensky è tornato a parlare dei negoziati definendoli “molto difficili. Ma continuiamo a lavorare a diversi livelli per spingere la Russia verso la pace. Fino alla fine di questa guerra brutale. I rappresentanti ucraini stanno lavorando ai negoziati, che si svolgono quasi ogni giorno. È molto difficile. A volte imbarazzante. Ma passo dopo passo, stiamo andando avanti“, ha precisato il leader ucraino.