fbpx

Guerra in Ucraina: la BBC riporta i corrispondenti a Mosca

BBC

Guerra in Ucraina, la BBC riporta i corrispondenti a Mosca: “raccontiamo con indipendenza e imparzialità”

Alcuni giorni fa la BBC aveva ritirato i suoi giornalisti dalla Russia dopo l’adozione di una legge che prevede pene detentive in caso di diffusione di “notizie ritenute false sull’esercito” nell’ambito della guerra russa in Ucraina. Oggi un portavoce dell’emittente britannica annuncia che sono riprese le trasmissioni da Mosca: “abbiamo considerato le implicazioni della nuova legge insieme all’urgente necessità di riportare le informazioni dall’interno della Russia. Dopo un’attenta deliberazione, abbiamo deciso di riprendere questa sera i reportage in lingua inglese dalla Russia, dopo che erano stati temporaneamente sospesi alla fine della scorsa settimana”.

Quattro giorni fa, dopo la decisione della BBC, altri importanti organi di informazione hanno seguito la stessa strada dell’emittente. La Cnn, poi Bloomberg, Abc e Cbs. E così anche i media dell’Unione Europea. Hanno lasciato il Paese le reti pubbliche della Germania, Ard e Zdf, insieme alla radio Deutsche Welle. Hanno chiuso gli uffici russi anche l’agenzia Efe e la radio- tv Rtve, la principale agenzia di stampa e il principale gruppo televisivo di Spagna. È andata via dalla Russia anche la Rai, insieme a l’Ansa e Mediaset.