fbpx

Reggio Calabria alza gli occhi al cielo: lo spettacolo della luna vista dal nuovo osservatorio astronomico del Planetario Pythagoras [GALLERY e INTERVISTE]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Inaugurato il nuovo osservatorio astronomico del Planetario Pythagoras di Reggio Calabria: una struttura all’avanguardia per guardare il cielo e le sue meraviglie, al servizio dei cittadini e degli studenti

La città di Reggio Calabria investe nella cultura, un investimento che, a conti fatti, vale sempre fino all’ultimo centesimo. Si guarda al presente e anche al futuro, si guarda alle opportunità per gli studenti e anche a quelle per i cittadini cittadini, si guarda, o per meglio dire si osserva, il cielo e le sue meraviglie che da sempre hanno incantato l’occhio umano. Nella serata odierna, mercoledì 9 marzo, presso il piazzale del Planetario “Pythagoras”, è stato inaugurato l’osservatorio astronomico, nuova struttura che completa il planetario Digistar di ultima generazione.

Tanti gli appassionati che hanno sfidato il freddo per assistere all’inaugurazione e poter osservare la luna attraverso il telescopio, uno spettacolo unico in tutta la sua maestosità. L’osservatorio astronomico permette, infatti, di ampliare non solo le opportunità offerte al pubblico che decide di usufruirne, ma si rivolge soprattutto alle scuole e agli studenti, ai giovani che costituiranno il futuro della città. L’obiettivo è quello di costruire percorsi didattici innovativi e multimediali, in grado di mettere al centro gli studenti e valorizzarne l’apprendimento in un contesto nel quale sviluppare attività pratiche e osservative. Grazie alle più recenti tecnologie ci si potrà collegare con la struttura da remoto e portare il “Cielo in classe“.

Ai microfoni di StrettoWeb, la professoressa Angela Misiano, responsabile del Planetario Pythagoras, ha descritto nel dettaglio le funzionalità della struttura: “si sentiva la mancanza di una postazione con la quale osservare il cielo, in quanto il Planetario è solo una simulazione del cielo. Grazie alla Città Metropolitana possiamo avere questa cupola di quasi 3 metri di diametro, con dentro una strumentazione di altissima qualità: è un Astro-Physics che ha una focale F9, un’apertura di 15 cm di diametro, è un apocromatico. Non ce ne sono più in costruzione. Noi lo utilizzeremo con le scuole, la struttura sarà collegata in remoto: sarà bellissimo quando i ragazzi verranno qui per osservare direttamente, ma con il collegamento in remoto possiamo portare loro “il cielo in classe”, osservandolo in diretta. Con una struttura di questo genere, in città, non si può fare ricerca. Lo strumento, essendo un rifrattore, si presta moltissimo all’osservazione del sistema solare e della luna. Faremo dunque fotografia, fotometria, spettroscopia“.

Il sindaco Metropolitano facente funzione, Carmelo Versace, ha sottolineato ai nostri microfoni l’importanza che questa struttura riveste per la città: “dal punto di vista scientifico si aggiunge una struttura che mancava in questo territorio. È un importante investimento che in quanto Città Metropolitana abbiamo voluto fare, anche perchè a breve si svolgeranno le prime Olimpiadi di Astronomia proprio nella nostra città, quindi elementi di questa importanza ce ne dovrebbero essere tanti. La sfida è quella di poter riuscire a coinvolgere un numero di giovani e meno giovani in un settore che viene visto ‘fuori dal quotidiano’. Queste sono le cose che servono a far crescere il nostro territorio. Sulla parte sportiva (antistante alla struttura) ci stiamo investendo tanto. Era stato fatto un primo bando di affidamento nel primo anno di lockdown, ovviamente andato deserto per ovvie ragioni. Stiamo facendo alcuni studi per mettere al bando l’intera struttura sportiva. Ma c’è anche la parte dell’anfiteatro, del ristoro. Speriamo a breve di renderlo fruibile alle società sportive e culturali“.

La prof. Angela Misiano: “grazie all’osservatorio astronomico porteremo il cielo nelle classi delle scuole di Reggio Calabria” [VIDEO]

Il sindaco Metropolitano f.f. Versace: “struttura che mancava, opportunità per far crescere Reggio Calabria” [VIDEO]