fbpx

Guerra Ucraina, Calenda: “se non fermiamo Putin ora, il rischio è di farlo con altri mezzi in altri luoghi” [VIDEO]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Le parole del segretario di Azione, Carlo Calenda, in visita a Reggio Calabria per il suo tour al meridione

“Se noi non fermiamo Putin su questa invasione, il rischio è che poi domani lo dobbiamo fermare con altri mezzi in altre parti“. E’ il pensiero di Carlo Calenda. Il segretario di Azione sta mandando avanti il suo tour al meridione e, dopo essere stato in Sicilia, oggi è a Reggio Calabria e ha detto la sua sull’attuale conflitto russo-ucraino a margine di un evento all’Hotel Excelsior. “Questo – ha proseguito Calenda – è frutto della debole risposta occidentale all’annessione della Crimea, perché quando i dittatori capiscono che possono andare avanti senza problemi, diventa un problema per tutti. Putin ha dimostrato di voler andare avanti, ma bisogna capire fino a che punto: il rischio di default russo è dietro l’angolo, praticamente al 100%”.

Calenda a Reggio Calabria: “Ponte sullo Stretto? Si faccia, ma basta parlarne. Si chiacchiera un sacco, ma nessuno sa produrre una proposta sul Pnrr”

Una conseguenza è sicuramente il caro-energia. Quali soluzioni? “Nel brevissimo periodo riattivando le centrali a carbone, coi rigassificatori e azzerando gli oneri di sistema – ha spiegato Calenda – Abbiamo chiesto all’Europa di costruire un fondo di supporto all’abbattimento delle bollette. Ne ha parlato anche Draghi e lo abbiamo sollecitato”. Il segretario di Azione ha parlato anche del Porto di Gioia Tauro. Di seguito i video con l’intervista completa.

Calenda a Reggio Calabria: “caro energia? Riattivare innanzitutto centrali a carbone” [VIDEO]

Calenda a Reggio Calabria: “azione Putin deriva da risposta debole dell’Occidente” [VIDEO]