fbpx

Finlandia, la Russia fa paura: “possibile rinuncia a far parte della Nato, troppo alto il rischio di attacchi informatici”

niinisto finlandia Foto di Mauri Ratilainen / Ansa

Sempre più cittadini finlandesi chiedono al Governo di far richiesta di adesione alla Nato, ma il presidente Sauli Niinisto frena gli entusiasmi preoccupato dalle minacce che arrivano dalla Russia

“La Finlandia potrebbe ricevere attacchi informatici di massa e persino l’invasione della Russia qualora mostrasse l’intenzione di aderire alla NATO”. Ad affermarlo è il presidente Sauli Niinisto, il quale ha avvertito che Mosca invierà una “robusta” forza militare nel Paese e “destabilizzerà la società finlandese” attraverso attacchi hacker se Helsinki chiederà di entrare nell’alleanza occidentale. Niinisto ha rilasciato queste dichiarazioni perché, alla luce delle notizie che arrivano dal fronte ucraino, una maggioranza record di cittadini finlandesi hanno manifestato il sostegno per l’adesione alla NATO. Dal 53% del mese di febbraio infatti, secondo quanto riporta il DailyMail, il dato è cresciuto fino al 62%.

Il presidente Niinisto però si dice preoccupato anche perché poche settimane fa la portavoce russa per gli affari esteri Maria Zakharova ha affermato che Finlandia e Svezia rischierebbero “conseguenze militari” in caso di richiesta di adesione alla NATO: “Finlandia e Svezia non dovrebbero basare la loro sicurezza sul danneggiamento della sicurezza di altri paesi. La loro adesione alla NATO potrebbe avere conseguenze dannose e alcune conseguenze militari e politiche”. Al momento, dunque, non dovrebbe esserci all’orizzonte questa possibilità. Eppure, niente può essere escluso: come l’Ucraina, anche la Finlandia è orgogliosa della sua “resistenza” verso la Russia dimostrata contro l’aggressione di Stalin nella Guerra d’Inverno del 1939 e del 1940. Di fronte a 750.000 invasori sovietici, a temperature di -43°C, un esercito finlandese (aveva la metà delle dimensioni rispetto a quello nemico) ha resistito all’attacco per tre mesi, fino a quando non è stato poi concordato un cessate il fuoco.