fbpx

Giorgia Meloni sbotta: “tra guerra e aumenti bollette, il Governo pensa a prorogare il Green Pass”

Giorgia Meloni Foto di Angelo Carconi / Ansa

“Proroga è follia, Draghi venga in Aula a spiegare”: la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni contrariata col Governo sul certificato verde

Il Green Pass è un altro dei temi caldi che continua a tenere banco in Italia. Per qualche giorno passato in secondo piano, per via della guerra in Ucraina, ora l’argomento è tornato in auge, con le ultime dichiarazioni di ieri dei sottosegretari Sileri e Costa. Si attende ancora la tanto annunciata road map, il calendario delle riaperture per eliminare gradualmente ogni restrizione Covid da qui alle prossime settimane.

E, nel frattempo, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sbotta sui social: “Nel bel mezzo di una crisi internazionale, di una guerra, e di una totale emergenza sul piano economico che vede aumentare le bollette di oltre il 100% e che vede l’aumento dei costi delle materie prime e probabilmente dei generi di prima necessità che cosa fa il ‘governo dei migliori’? Vara un decreto del presidente del Consiglio dei ministri, quindi senza dibattito parlamentare per prorogare il Green pass di 18 mesi, ulteriormente prorogabili di altri di 18, quindi fino al gennaio 2025. Una follia priva di senso e senza alcuna evidenza scientifica. Vuol dire che dobbiamo fare anche una quinta, sesta, settima, ottava dose?”, ha scritto su Twitter, aggiungendo un’altra considerazione in un video: “E se invece non faremo le altri dosi allora a cosa serve il Green Pass? E’ una roba che non ha alcuna evidenza scientifica, che serve solo a controllare i cittadini, a limitarne la libertà, il diritto al lavoro. Allora, noi abbiamo avuto un virus arrivato dalla Cina, ma non vogliamo importare il modello cinese. Per questo chiediamo che Draghi venga in Aula, perché di questo tema vogliamo parlare in Parlamento. E poi continuiamo a sostenere la follia priva di senso e di evidenze scientifiche delle scelte di Speranza e compagnia fino ad oggi”.