fbpx

Covid, Corbelli: “l’Italia annulli subito obbligo vaccinale e Super Green pass e ridia lavoro e diritti ai cinque milioni di persone”

corbelli

Covid, Corbelli: “l’Italia annulli subito obbligo vaccinale e Super Green pass e ridia lavoro e diritti ai cinque milioni di persone (non vaccinate) a cui sono stati brutalmente tolti”

“L’Italia annulli subito l’obbligo vaccinale e il Super Green pass e ridia lavoro e diritti ai cinque milioni di persone(non vaccinate) a cui sono stati brutalmente tolti! Le pesanti (e, in Italia, anche disumane!) restrizioni sono rimaste solo nel nostro Paese! L’emergenza oggi non è più il Covid ma è la feroce guerra della Russia all’Ucraina che bisogna fermare, aiutando il popolo ucraino, in tutti i modi”! E quanto afferma, su Fb, il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli. “Per ‘liberare’, cercare di riunire e ‘salvare’ – aggiunge– il Paese e scongiurare nuove tragedie oggi che l’Italia ha il 95% (tra vaccinati e guariti) della popolazione ‘protetta’ le tre cose da fare subito sono queste: 1) Cancellare(per tutti) l’obbligo vaccinale, lasciare libertà di scelta e ridare il lavoro a chi è stato ingiustamente tolto; 2)Annullare subito Super Green pass e lasciare quello base, com’era prima; 3)Sospendere vaccinazione under 40 (che, come dimostrano dati e studi, non corrono rischi con il covid, soprattutto adesso con la variante Omicron) e lasciarla solo per i soggetti fragili. Si tratta di misure di buon senso, dettate dalla attuale situazione epidemiologica, in netto miglioramento. Se anche l’Austria ieri ha annunciato la cancellazione dell’obbligo vaccinale, perché deve rimanere, ancora per altri mesi, sino a giugno (ammesso che venga poi rispettata questa scadenza!), solo in Italia insieme ad altre severe e disumane misure,  che non ha adottato nessun altro Paese al mondo, come il Super Green pass per il lavoro o per addirittura salire su un mezzo di trasporto o sedersi al tavolo di un bar anche all’aperto? Anche la Germania ha annunciato la fine di tutte le restrizioni”

“Oggi la vera emergenza – prosegue– non è la pandemia ma la guerra, è il popolo ucraino che lotta eroicamente contro il feroce invasore russo e che bisogna assolutamente aiutare, per fermare il massacro in atto, da parte dell’esercito di Putin, anche nei confronti di donne e bambini, com è avvenuto ieri con l’orrore del bombardamento, senza pietà, di un ospedale pediatrico!  Il Governo Draghi, per ritornare  al dramma italiano, deve togliere immediatamente queste misure restrittive, discriminatorie e punitive e spiegare invece perché non aiuta e ha abbandonato le migliaia di persone che hanno avuto gravi reazioni avverse dopo la vaccinazione e che per questo si sono viste la salute e la vita rovinati e che sono adesso costrette a cercare di curarsi in qualche modo (con enormi difficoltà mancando un protocollo di cure specifiche per questi casi, ancora sconosciuti alla medicina e alla scienza!) anche a loro spese! L’Esecutivo deve inoltre anche chiarire perché centinaia di persone(giovani e adulti sani!) continuano a morire, per malori improvvisi e inspiegabili. Solo nelle ultime due settimane ci sono stati una quarantina di decessi!  Quasi una quindicina negli ultimi tre giorni! Sono dati agghiaccianti e impressionanti che devono far riflettere e che meritano una immediata e convincente risposta. Perché si continua a morire così all’improvviso? Queste sono le cose importanti di cui deve occuparsi il Governo, non invece accanirsi contro quei 5 milioni di italiani non vaccinati (per motivi di salute e per una comprensibile paura!) che sono stati brutalmente privati di tutti i loro diritti, del lavoro, dello stipendio e buttati in mezzo ad una strada, insieme alle loro famiglie, nella disperazione più assoluta”, conclude Corbelli.