fbpx
*** ALLERTA METEO ***
ARRIVA IL VIOLENTISSIMO 'CICLONE DI MALTA': SOS MALTEMPO, VENTO E NEVE
TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU www.meteoweb.eu

Durante il convegno M5S parte il video porno, gelo al Senato per l’attacco hacker: “è entrato qualcuno, datemi una mano” [VIDEO]

video porno durante convegno m5s

Attacco hacker a sfondo porno durante un convegno del Movimento Cinque Stelle in Senato: gelo tra i presenti

Doveva essere un pacato e ordinato convegno, dal tema “Per una pubblica amministrazione trasparente: dati aperti per il decisore politico”, ma si è trasformato – almeno per qualche attimo – in un momento imbarazzante e che in tanti avrebbero voluto evitare. E’ diventato virale il minuto fatale in cui ieri, durante un convegno del Movimento Cinque Stelle in Senato, un hacker si è introdotto e ha fatto partire un video porno Hentai, tra il gelo dei presenti (c’era anche il Premio Nobel Giorgio Parisi) e le difficoltà del senatore Maria Luisa Mantovani, che ha perso il controllo per qualche minuto chiedendo aiuto alla regia. “I risultati della ricerca medica e scientifica…”, spiegava il moderatore, ma poi è partito improvvisamente l’attacco hacker, con l’immagine di una coppia sul letto e l’audio abbastanza interpretabile. “Qualcuno si è introdotto – le parole di Mantovani – Datemi una mano”.

Lo stesso senatore e moderatore ha spiegato che presenterà denuncia presso la polizia postale. “Inizialmente il convegno doveva essere in parte in presenza, in parte on line – ha spiegato all’Ansa – Ma con l’aumento dei contagi abbiamo deciso che fosse solo online. Io ero fisicamente a Palazzo Giustiniani, gli altri relatori tutti collegati via Zoom. Dopo mezz’ora dall’inizio, alle 15.30 circa, alcune persone, entrate nella riunione con nomi probabilmente fasulli, hanno condiviso lo schermo. E per meno di un minuto si sono viste scene di sesso tra un uomo e una donna in forma stilizzata e senza i volti, probabilmente era un manga o un cartone animato. Le persone sono state subito espulse dalla riunione e ho avvertito le forze dell’ordine che erano al Senato e i tecnici. Domani farò denuncia alla polizia postale”. Di seguito il video.