fbpx

Roma-Juventus, 7 minuti di ordinaria follia! Da 3-1 a 3-4: Mourinho si dispera, Allegri evita la figuraccia [CLASSIFICA]

Paulo Dybala Foto di Alessandro di Marco / Ansa

La Roma firma il 3-1, poi si spegne: la Juventus dà il tutto per tutto e in 7, pazzeschi, minuti ribalta il risultato. Tre punti pesantissimi per i bianconeri che restano attaccati al treno Europa

Sette minuti di ordinaria follia. Sette come i gol segnati in un pirotecnico Roma-Juventus, non bellissimo, ma quantomeno ricco di gol. Due squadre alla ricerca di identità, fiducia e soprattutto vittorie. Fin qui due stagioni al di sotto delle aspettative, ma se la Roma è ancora in linea con i propri obiettivi, la Juventus ha un distacco siderale dalle squadre di testa e sembra doversi accontentare, per il secondo anno consecutivo, di agguantare con le unghie e con i denti il 4° posto. Sblocca la gara Abraham con una spizzata, Dybala pareggia i conti con un sinistro armonioso, olio su tela. L’infortunio di Chiesa priva di pericolosità l’attacco bianconero, nella ripresa la Roma prende coraggio e viene premiata da una rete rocambolesca di Mkhitaryan che beffa Szczesny grazie a una deviazione. Poco dopo, Pellegrini disegna una splendida traiettoria su punizione per il 3-1.

La Roma è in controllo, ma decide di sedersi e uscire dalla partita. La Juventus prova il tutto per tutto e dal 70′ al 77′ vive 7 minuti di ordinaria follia. Locatelli accorcia le distanze di testa, Kulusevski trova il pari con il benestare del Var, De Sciglio si improvvisa attaccante e firma addirittura il sorpasso. Nel finale la Roma ha l’occasione per riportare la gara in parità. De Ligt ferma con il braccio una rovesciata di Pellegrini, viene espulso, ed è rigore: dal dischetto lo stesso Pellegrini si fa ipnotizzare da Szczesny che mette in ghiaccio il risultato. Notte fonda per la Roma a -9 dalla zona Champions, la Juventus resta in corsa per un posto fra le prime 4 con sole tre lunghezze dall’Atalanta che deve recuperare la sfida contro il Torino.

Risultati 21ª Giornata di Serie A

Domenica 9 gennaio

Ore 12:30

Venezia-Milan 0-3 (2’ Ibrahimovic, 48’ 59’ rig. Theo Hernandez)

Ore 14:30

Empoli-Sassuolo 1-5 (13’ rig. Berardi, 16’ Henderson, 24’ 71’ Raspadori, 67’ 90’+2 Scamacca)

Ore 16:30

Napoli-Sampdoria 1-0 (43’ Petagna)
Udinese-Atalanta 2-6 (17’ Pasalic, 22’ 76’ Muriel, 43’ Malinovsky, 59’ aut. Djimsiti, 88’ Beto, 89’ Maehle, 90’+2 Pessina)

Ore 18:30

Genoa-Spezia 0-1 (14’ Bastoni)
Roma-Juventus 3-4 (11’ Abraham, 18’ Dybala, 48’ Mkhitaryan, 53’ Pellegrini, 70’ Locatelli, 74’ Kulusevski, 77’ De Sciglio)

Ore 20:45

Inter-Lazio
Verona-Salernitana

Lunedì 10 gennaio

Ore 17:00

Torino-Fiorentina

Classifica Serie A

  1. Milan 48
  2. Inter 46
  3. Napoli 43
  4. Atalanta 41
  5. Juventus 38
  6. Fiorentina 32
  7. Lazio 32
  8. Roma 32
  9. Sassuolo 28
  10. Empoli 28
  11. Bologna 27
  12. Verona 27
  13. Torino 25
  14. Udinese 20
  15. Sampdoria 20
  16. Spezia 19
  17. Venezia 17
  18. Cagliari 13
  19. Genoa 12
  20. Salernitana 8

Classifica marcatori Serie A

  1. Vlahovic 16
  2. Immobile 14
  3. Simeone 12
  4. Lautaro Martinez 11
  5. Berardi 10
  6. Zapata 9
  7. Joao Pedro 9
  8. Pasalic 8
  9. Abraham 8
  10. Dzeko 8