fbpx

Reggio Calabria, scoperta la targa dello storico Emporio Pastore: mantiene il suo allestimento dal 1878, ha resistito a guerre e terremoti [FOTO]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Mattinata di storia, arte e cultura a Reggio Calabria: scoperta in pieno centro, sul Corso Garibaldi, la targa installata presso l’Emporio Pastore, che mantiene inalterato il suo allestimento originale sin dal 1878. Tutte le foto e le interviste

Una mattinata di storia, arte e cultura in pieno centro a Reggio Calabria. E’ stata da poco scoperta, infatti, la targa che il Club di territorio ha fatto realizzare ed installare presso la l’Emporio Pastore, sul Corso Garibaldi, con l’obiettivo di richiamare l’attenzione in merito ad un dettaglio non trascurabile: l’esercizio mantiene il suo allestimento originario dal 1878 e ha resistito a guerre e terremoti, come quello del 1908. L’iniziativa rientra dunque nelle attività di tutela del patrimonio storico, artistico e delle identità plurali dell’Italia in tutte le sue forme espressive, materiali e immateriali.

“Questa nasce come fabbrica di ombrelli, bastoni, ventagli, ed era un emporio vero e proprio – spiega ai nostri microfoni il titolare, Fabio Chiovaro – Negli anni si sono andate specializzando le categorie, come negozio di scarpe o abbigliamento, ma noi continuiamo a lavorare con aziende della stessa nostra ‘età’. Abbiamo dovuto seguire le innovazioni tecnologiche, pur rimanendo legati al passato. La mia è la quarta generazione: prima c’era uno zio di mio nonno, poi mio nonno, mio padre e mio zio e ora io. Abbiamo deciso di mantenere sempre il cognome Pastore, pur non essendo il nostro, perché i miei nonni hanno mantenuto il nome del fondatore che veniva da fuori, appunto Pastore, che collaborava con noi. Per me è come un secondo cognome”.

“Il Touring Club tratta anche questo tipo di valorizzazioni, non solo quella del mondo artistico ufficiale ma anche quella delle identità della vita quotidiana delle città – ha detto invece Francesco Zuccarello Cimino, console del Club di Territorio Touring Club Italiano di Reggio Calabria – Reggio richiede ricerche molto accurate perché molto è andato perduto dopo il terremoto del 1908. Noi abbiamo notato che davanti a questa vetrina si sono fermati spesso per ammirare questo allestimento che ormai si vede di rado anche nelle città più antiche. E in un mondo in cui ormai le vetrine sono tutte di franchising, bisognerebbe tornare alla bottega di prossimità”.