fbpx

Reggio Calabria, la riapertura di Cesare il più dolce regalo di fine Gennaio per la città

Chiosco Gelateria Cesare Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Reggio Calabria, Gelato Cesare ha riaperto per la gioia dei clienti

Cesare ha riaperto i battenti dopo un breve periodo di riposo in concomitanza con le settimane più fredde dell’anno. “Fredde” in tutti i sensi quest’anno, in cui sono state concomitanti con il picco epidemiologico della quarta ondata che tra positivi, quarantenati, contatti dei positivi, contatti dei contatti dei positivi, ‘mpanicati e chi più ne ha più ne metta, ha visto un lockdown di fatto in cui la stessa chiusura di Cesare ha contribuito a rendere il biglietto da visita della città particolarmente triste e malinconico. Ma adesso lo storico chiosco verde che identifica la città di Reggio Calabria nel suo cuore più antico, piazza Indipendenza, da ieri è nuovamente aperto al pubblico con il consueto gelato particolarmente apprezzato per la genuinità delle materie prime e l’accuratezza della preparazione. Una notizia che addolcisce i palati e la quotidianità dei reggini, che possono ricominciare a frequentare Cesare per godersi un momento di piacere di gola per un pasto semplice che non significa solo gusto, ma anche gioia e convivialità. Particolarmente apprezzate, oltre alle consuete cialde per tutti i gusti e di tutte le dimensioni, anche le brioche fresche quotidianamente sfornate dopo un procedimento tanto antico quanto genuino. Cesare, inoltre, si conferma particolarmente attento al rispetto delle norme anti Covid per la convivenza con la pandemia: il distanziamento impone un rigido controllo per gli accessi al locale, dove non sarà richiesto il Green Pass neanche con l’introduzione delle nuove norme del 1° Febbraio in quanto il locale non prevede la consumazione all’interno della struttura ma esclusivamente la consegna di prodotti “da asporto”, sia che il cliente opti per il gelato da portare a casa sia che invece scelga di consumarlo regolarmente all’aperto, sul marciapiede o in una panchina pubblica.