fbpx

Reggio Calabria, Falduto si attiva per il Mediterranean Life. Inviata lettera a Regione e Comune per sollecitare: “chiediamo incontro, vogliamo risposte” [INTERVISTA]

falduto mediterranean life

L’imprenditore di Reggio Calabria Giuseppe Falduto continua ad attivarsi per chiedere risposte in merito al progetto del Mediterranean Life: il contenuto della lettera inviata a Regione e Comune per sollecitare le Amministrazione a velocizzare le procedure

Tre anni da quel progetto. Bello, interessante, affascinante, futuristico. Ma inascoltato, purtroppo, nel tipico stile reggino. Del Mediterranean Life di Reggio Calabria si è parlato tanto e abbiamo anche scritto tanto, su queste pagine. L’imprenditore locale Giuseppe Falduto, promotore dell’opera, sollecita da tempo le istituzioni. A novembre scorso, una possibile svolta, con l’emendamento approvato in Consiglio Comunale per smuovere l’Amministrazione a velocizzare le procedure. Ma da lì, dopo due mesi, tutto fermo. Falduto ha già chiesto risposte tramite i social, ma ora è passato ai fatti: ha inviato una lettera a Comune e Regione per chiedere un incontro agli stessi affinché ottenere un riscontro utile.

“Dal 23 novembre ad oggi purtroppo non siamo stati convocati da nessuno – ha spiegato Falduto ai microfoni di StrettoWeb – il Consiglio Comunale ha approvato quell’emendamento che dava mandato al Sindaco di attivarsi per predisporre l’accordo di programma. Così abbiamo chiesto noi di essere incontrati al Sindaco Brunetti, al Presidente della Giunta Regionale e alla Dottoressa Princi. Credo che il Mediterranean Life sia un progetto dal riscontro talmente importante per l’economia cittadina che non è possibile far finta di nulla,. Perlomeno che si assumano la responsabilità di dirci che non vogliono che si realizzi. E’ ora di dire basta, noi ci siamo stancati, è un atteggiamento irresponsabile nei confronti dei giovani di Reggio Calabria. Mi auguro che verremo convocati per ascoltare le nostre richieste, legittime, di avere risposta a un atto amministrativo”. 

Giuseppe Falduto

Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Passi successivi in caso di incontro ed esito positivo? “Il percorso è lungo – prosegue Falduto – perché l’iniziativa è importantissima, porta ad avere 3 mila posti di lavoro, qualcosa di enorme. Questo tempo perso è un peccato perché il lavoro da fare è molto. Sono passati tre anni per il nulla. L’inizio dei lavori era già previsto dopo un anno dalla presentazione. Se la volontà politica fosse stata indirizzata ad approvarlo poteva benissimo concludersi in un anno, ma purtroppo viviamo nell’incertezza. Qualcosa si deve decidere, se entro poco tempo non ci sarà una risposta concreta saremo costretti ad abbandonare quel progetto”.

Ma quale è il contenuto della lettera? Di seguito il testo integrale con le richieste di Falduto al Governatore Occhiuto, alla vicepresidente Princi, all’Assessore Regionale al Turismo Orsomarso, al Sindaco f.f. di Reggio Brunetti e all’Assessore Comunale all’Urbanistica Battaglia.

“Illustre Sig. Sindaco,

  • la nostra società, PORTO BOLARO S.r.l., p. iva 02390030803, con sede in Reggio Calabria, alla Via Nazionale complesso “Polidea 2” Pellaro, joint venture tra il Gruppo Promocentro di Milano, Gruppo Building di Torino e il Gruppo Falduto di Reggio Calabria, ha realizzato l’omonimo, noto, Centro Commerciale in località San Leo di Reggio Calabria, una realtà con un fatturato commerciale annuo di oltre 50 Milioni di Euro, un impatto occupazionale di circa 700 posti di lavoro e un importante trasferimento di know how sul territorio.
  • Credendo fortemente nell’idea del perseguimento di obiettivi sempre più importanti, con immediate ricadute in termini di benefici per la collettività, come unico volano di sviluppo della nostra terra, visti i successi imprenditoriali fatti registrare e la solidità finanziaria acquisita, abbiamo desiderato continuare ad investire sul territorio. A tal proposito in data 11/02/2019 (sono già trascorsi tre anni) presentavamo al protocollo del Comune di Reggio Calabria un’istanza per l’approvazione in via preliminare di “Mediterranean Life“, un progetto di rilevanza strategica per lo sviluppo turistico della città di Reggio Calabria, che prevede un importante investimento finanziario con la creazione di circa 2600 posti di lavoro diretti ed altrettanti indiretti.
  • Subito dopo la presentazione dell’istanza, l’iter amministrativo si rivelava tortuoso; gli enti pubblici coinvolti – forse anche in considerazione della complessità della situazione e dell’assenza di strumenti tecnici per gestirla al meglio hanno inizialmente mostrato una certa (pur ingiustificata) renitenza, forse dettata dall’incertezza degli Uffici rispetto al procedimento da seguire e agli atti amministrativi da adottare.
  • La Porto Bolaro, con tenacia e pazienza, ha invece sempre motivato e suffragato la bontà del progetto e la piena adeguatezza dell’iter attivato, invocando la responsabilità – in primis – degli Organi politici coinvolti ed esplicitando a più riprese le ragioni tencnico-giuridiche per le quali era precipuo dovere delle Amministrazioni esaminare il progetto ed esprimersi in merito; si allega una delle comunicazioni della scrivente con evidenza di tutti i passaggi normativi e della cronistoria della vicenda, cui si rimanda (v. doc. allegato).
  • Finalmente, dopo diversi passaggi in commissione consiliare, con deliberazione del 23 Novembre 2021 il Consiglio Comunale di Reggio Calabria ha approvato una specifica mozione che ha dato esplicito mandato e incarico al Sindaco di avviare l’iter finalizzato alla stipula di un accordo di programma con le altre Amministrazioni coinvolte (in primis Regione Calabria e Città metropolitana di Reggio Calabria) e alla realizzazione del progetto “Mediterranean Life” sottolineando l’alto valore strategico di quest’ultimo per lo sviluppo turistico della Città.
  • Una simile finalità potrà essere realizzata solo mettendo in campo serietà, impegno e competenze: diventa quanto mai necessario un approccio proattivo delle amministrazioni coinvolte, in primis di quella che dovrà assumere l’iniziativa. Ad oggi, invero, nonostante siano trascorsi diversi mesi dalla deliberazione consiliare, non risulta che gli organi preposti dell’ente locale si siano attivati.
  • Nel frattempo, attesi gli avvicendamenti tra gli organi di indirizzo politico, che hanno coinvolto anche la carica oggi a Lei affidata, riteniamo quanto mai opportuno che il Sindaco nel procedimento in questione ha un ruolo determinante, sia reso edotto in maniera esaustiva, possa chiarirsi tutti i dubbi e possa comprendere tutte le potenzialità del progetto. al fine di poter meglio qualificare e indirizzare la propria attività politico amministrativa. È importante, infatti, agevolare un’ottimale comprensione delle caratteristiche e delle potenzialità del progetto a beneficio di amministratori che abbiano iniziato il proprio mandato politico recentemente e “‘in corsa” rispetto all’iter di “Mediterranean Life”.
  • Lo strumento dell’accordo di programma, se impostato con impegno, competenza e determinazione, permetterà di perseguire diversi e cruciali interessi generali, generando un’opportunità più unica che rara di rilancio e sviluppo (in termini di rigenerazione urbana, realizzazione di un’infrastruttura d’avanguardia, maggiore attrattività turistica e, soprattutto, creazione di migliaia di posti di lavoro). La procedura è snella e non dettagliata dal legislatore, il che consente di bilanciare le complessità intrinseche che caratterizzano il progetto e agevola le attività da intraprendere.
  • In presenza di un coinvolgimento formale dell’accordo di programma che riguarda in presa diretta le amministrazioni, la scrivente intende manifestare la propria piena volontà e disponibilità, a titolo gratuito, a supportare le ridette amministrazioni sotto il profilo sia tecnico che giuridico, fornendo ogni forma di assistenza tecnica necessaria affinché l’iter possa proseguire con la necessaria sollecitudine (essendo già trascorsi ben tre anni dalla prima presentazione dell’istanza).

Per questo, con la presente si

CHIEDE 

  • di poter incontrare ed essere ricevuti dalla S.S.LL.., con cortese sollecitudine, al fine di
  • chiarire ed esplicitare le caratteristiche e le potenzialità del progetto “Mediterranean Life”;
  • confrontarci ai fini della individuazione e condivisione di ogni attività utile al perseguimento ottimale dell’iter dell’accordo di programma;
  • esplicitare i profili relativi alla massima disponibilità della scrivente a mettere a disposizione le proprie competenze e professionalità, a titolo gratuito, come ausilio finalizzato a facilitare le fasi della negoziazione, della stipula e dell’attuazione dell’accordo di programma

Si resta in attesa di cortese, celere riscontro”.

Mediterranean Life a Reggio Calabria, Falduto: “stanchi di attendere, questo è irrispetoso per i giovani del territorio” (VIDEO)

reggio calabria progetto porto bolaro