fbpx

Reggio Calabria, il Porto sarà chiuso ai visitatori: attivo il servizio di vigilanza e presidio dei varchi [FOTO]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

L’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto ha preso la stessa decisione anche per gli scali di Messina, Milazzo, Tremestieri e Villa San Giovanni “al fine di impedire gli ingressi non autorizzati”

Il Porto di Reggio Calabria sarà chiuso ai visitatori. E’ questa la decisione presa dall’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, che così agirà anche per gli scali di MessinaMilazzoTremestieri Villa San Giovanni. L’accesso alle aree sarà quindi consentito solo agli “addetti ai lavori”, “al fine di impedire gli ingressi non autorizzati all’area di sicurezza portuale e per prevenire ed impedire l’introduzione illecita, a bordo delle navi e degli impianti portuali di qualsivoglia dispositivo comunque potenzialmente pericoloso per la pubblica e privata incolumità”. Questa mattina si è tenuta una visita sul luogo alla presenza dell’Autorità, della Guardia Costiera e della Ksm, ovvero l’agenzia per la sicurezza che presterà il servizio a partire da oggi. Saranno anche state installate nei due ingressi i sistemi di sbarre automatiche. Come si apprende da una nota, l’accesso veicolare all’area portuale sarà consentito esclusivamente a:

  • mezzi di soccorso e forze dell’ordine;
  • personale in servizio presso le amministrazioni dello Stato presenti all’interno dell’ambito portuale;
  • veicoli che devono imbarcare su navi traghetto;
  • soggetti iscritti nei registri tenuti dall’Autorità Marittima o dall’Autorità di Sistema Portuale;
  • agenti raccomandatari marittimi, doganalisti, spedizionieri e loro dipendenti;
  • ispettori delle società di classificazione navi;
  • titolari, dipendenti ed utenti di concessioni demaniali marittime ubicate ed operanti in porto;
  • soggetti che a vario titolo, ma legato allo svolgimento di attività; pubbliche o private hanno luogo nell’ambito portuale, hanno necessità di accedere in porto (es. utenti di pubblici uffici ed esercizi privati situati nell’ambito portuale).