fbpx

Reggio Calabria, i cittadini contro il progetto della nuova Piazza de Nava: “non si può modificare l’identità di un luogo storico” [FOTO E VIDEO]

Piazza De Nava reggio calabria

Lo storico Franco Arillotta e Eugenia d’Africa (Accademia del tempo libero) sono intervenuti sul progetto di riqualificazione di Piazza de Nava

Si è tenuto questa mattina il Consiglio Comunale aperto a cui erano stati invitati i cittadini di Reggio Calabria a prendere parte per discutere dei Brogli alle elezioni 2020 e della riqualificazione di Piazza de Nava. Le polemiche non sono mancate. “Questo progetto prevede la perdita dell’identità della piazza, una piazza realizzata agli inizi del XIX° secolo e che ha uno stile nazionalista, molto in voga in quel periodo”. E’ quanto ha affermato in un’intervista ai nostri microfoni lo storico reggino Franco Arillotta“La legge prevede che le Soprintendenza tuteli le opere da eventuali modifiche che prevedano la modifica dell’identità di quel monumento o luogo storico”, prosegue per poi lanciare l’allarme: “se non si interviene entro due settimane le ruspe entreranno in azione”.

Contraria al progetto per la nuova Piazza de Nava, Eugenia d’Africa (vicepresidente dell’Accademia del tempo libero), che spiega come l’articolo 12 dello Statuto che parla delle consulte. “Solo dopo la consultazione, il Consiglio Comunale può assumersi la responsabilità di variazione del Genius Loci. Una variazione che è stata riconosciuta dai progettisti”, spiega ai nostri microfoni. Nel corso dell’odierna seduta del Consiglio comunale aperto, dopo aver ascoltato gli interventi dei rappresentanti delle associazioni e dei cittadini, l’aula ha approvato all’unanimità il seguente ordine del giorno: 

“Considerato che: 

  • sono pervenute presso l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria una serie di richieste ed osservazioni volte ad aprire una discussione sul progetto di riqualificazione di piazza De Nava, piazza cittadina prospiciente il Museo Nazionale di Reggio Calabria;
  • è stato convocato per la data di oggi un consiglio comunale aperto per affrontare le osservazioni sottoposte;
  • dalle risultanze della discussione è emersa la necessità di intraprendere una ulteriore interlocuzione con le autorità istituzionali preposte all’esecuzione dei lavori del progetto di riqualificazione della piazza, ferme restando le prescrizioni già avanzate dall’Amministrazione comunale di Reggio Calabria in sede di conferenza dei servizi.

Osservato che: 

  • nel 2022 ricade il cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace e che l’evento produrrà un notevole interesse turistico per il Museo Nazionale di Reggio Calabria e che è previsto un aumento considerevole dell’afflusso di visitatori presso la stessa struttura museale con la prevedibile necessità di organizzare strutture per l’attesa dei turisti in ingresso.

Il Consiglio comunale di Reggio Calabria, per tutto ciò premesso, impegna il Sindaco facente funzione e la Giunta comunale:

  • ad attivare tutte le iniziative utili e necessarie presso il Segretariato regionale per la Calabria del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e presso la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio della Città Metropolitana di Reggio Calabria e Vibo Valentia al fine di promuovere un’interlocuzione tra le istituzioni e gli attori territoriali interessati, onde tutelare l’identità storica e culturale di piazza De Nava;
  • a richiedere che l’inizio dei lavori per la riqualificazione dell’area di Piazza De Nava sia posticipato all’anno 2023 al fine di rendere fruibile la stessa area a tutto il 2022 per le celebrazioni del cinquantesimo anno del ritrovamento dei Bronzi di Riace;
  • a riferire al consiglio comunale gli esiti delle iniziative assunte in esecuzione del presente ordine del giorno”.

Reggio Calabria, lo storico Arillotta contro la riqualifica di Piazza de Nava: “non può essere modificata l’identità” [VIDEO]

Reggio Calabria, d’Africa: “il Consiglio Comunale deve consultarsi prima di approvare il progetto su Piazza de Nava” [VIDEO]