fbpx

Quirinale, elezione Presidente della Repubblica: la diretta del voto, fumata nera al terzo scrutinio [LIVE]

Camera Deputati Foto di F. Bongarra / Ansa

Quirinale, elezione Presidente della Repubblica: la diretta del voto, ieri fumata nera con la “vittoria” delle schede bianche

È in programma oggi alle 11 la terza votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica dopo la seconda fumata nera di ieri. Come già ieri e due giorni fa, anche oggi i senatori e i deputati sono stati divisi in fasce orarie per rispettare le disposizioni anti Covid alla Camera. In corso trattative febbrili tra i partiti con incontri per trovare il “nome giusto” per il Colle. I Grandi elettori, intanto, tornano a essere 1009: è stata infatti proclamata deputata Maria Rosa Sessa, la prima dei non eletti nelle liste di Forza Italia nel listino proporzionale della Campania, al posto di Vincenzo Fasano deceduto domenica scorsa. Il quorum quindi è di nuovo a quota 673. Mentre i Grandi elettori positivi continuano a votare nel seggio drive-in allestito nei pressi della Camera.

Quirinale: fumata nera al terzo scrutinio, domani giornata decisiva

Anche il terzo scrutinio dà un nullo di fatto con una fumata nera già nelle previsioni. Da segnalare i voti a Mattarella, Crosetto e Casini. Domani potrebbe essere la giornata decisiva.

Quirinale: 126 voti per Mattarella

Arriva a 126 voti, il presidente uscente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ben di più, dunque, dei 73 senatori M5S, che prima del voto hanno espresso l’orientamento a scrivere il nome del capo dello Stato già dal terzo scrutinio.

Quirinale oltre 100 voti per Mattarella. Spoglio in corso

Il capo dello stato uscente, Sergio Mattarella, fa registrare oltre cento voti e supera di poco Guido Crosetto.

Quirinale, voti a Crosetto superano numeri di Fratelli d’Italia: spoglio ancora in corso

Fratelli d’Italia può contare su 63 voti: 21 senatori, 37 deputati e 5 delegati regionali, per un totale di 63 voti. Ma a spoglio del terzo scrutinio ancora in corso, i voti per Guido Crosetto superano di molto i numeri di FdI, attestandosi a oltre 100 voti.

Quirinale, Conte su Casellati: “sarebbe un errore per il centrodestra”

“Casellati non è un candidato qualsiasi, è una carica istituzionale e mettere in gioco una carica istituzionale per una contrapposizione senza una soluzione condivisa sarebbe un grande errore del centrodestra e un grande sgarbo per la carica della presidenza del Senato. Invitiamo il centrodestra a trovare un metodo e lavorare in modo condiviso senza un’iniziativa che metta un gioco le istituzioni”, è quanto afferma il leader del M5S, Giuseppe Conte.

Quirinale, Boccia alla coalizione di Centro/Sinistra: “serve compattezza”

“Faccio un appello alla nostra coalizione, al Centro/Sinistra, ora serve unità e compattezza”, afferma Francesco Boccia, esponente di spicco del Partito Democratico, ospite di Radio Immagina.

Quirinale, il Pd a Salvini: “fermati o salta la maggioranza”

Preoccupazione nel Partito Democratico per le mosse di Matteo Salvini. I Dem stanno lavorando per un vertice della maggioranza di governo e starebbero convincendo il leader della Lega a non procedere domani al voto su un candidato di centrodestra perchè “così salta la maggioranza”. 

Quirinale, Renzi: “le scelte migliori restano Draghi e Casini”

Il leader di Italia e Viva ed ex Premier Matteo Renzi, rompe gli indigi definendo Draghi e Casini “le scelte migliori”.

Quirinale, Fdi vota Crosetto alla terza votazione

Fratelli d’Italia nel corso della terza votazione voterà Guido Crosetto. Niente scheda bianca, come Lega e Fi. Questa le decisione emersa dentro il partito di Giorgia Meloni dopo una valutazione interna.

Quirinale, Renzi: “Casellati? Nel pomeriggio la posizione di Italia Viva”

“Elisabetta Casellati presidente della Repubblica? Penso che nel pomeriggio faremo una dichiarazione ufficiale come Italia Viva. Vediamo cosa succede questa mattina, la partita è complicata – fa sapere il leader di Iv Matteo Renzi – e la candidatura di Mario Draghi non è bruciata”.

Quirinale, Alessio Villarosa: “Lega, Movimento 5 Stelle e FDI stanno cercando un accordo. Alcuni vogliono lo stallo per poi votare Draghi”

Alessio Villarosa, ex sottosegretario al Ministero Economia e Finanza nel Conte I e II, oggi al Gruppo Misto, è intervenuto ai microfoni de L’Italia s’è Desta condotta dal Direttore Gianluca Fabi e Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus. “Sono tutti nomi per arrivare ad uno stallo. Destra e sinistra hanno avanzato candidature che né una parte  né l’altra possono accettare. La preoccupazione è che si arrivi ad uno stallo e nel momento in cui c’è fretta di decidere alla fine si andrà su Draghi. L’ideale sarebbe riuscire a trovare un nome in grado di convincere tutti” “Nessuno ha i numeri. L’unica soluzione è quello di un accordo tra Lega, Fratelli D’Italia e Movimento 5 Stelle perché avrebbero 500 voti. Credo proprio si stia ragionando su questo. Alla fine però sembra che il vero scopo sia arrivare ad uno stallo per eleggere Draghi. Mattarella? Il Movimento 5 Stelle avrebbe dei seri problemi a votare per un bis. Quando ero nei 5 Stelle abbiamo sempre detto che il bis non si può fare. Stessa cosa ha detto anche Mattarella. Il PD ha proposto Riccardi, buttando lì quel nome senza troppa convinzione”. “Giuseppe Conte ieri e l’altro ieri ha giocato la giusta partita. Prima con un’agenzia ha fatto capire che nel caso in cui si dovesse arrivare ad un nuovo Governo, quindi con l’elezione di Draghi al Quirinale, verrebbero consultati gli iscritti che probabilmente non farebbero fare il quarto Governo. Poi però si sente questa parte che segue Luigi Di Maio che mette i bastoni tra le ruote alle politiche che vorrebbe fare Conte”.

Quirinale, Tajani: “ho sentito Berlusconi, vuole un presidente di centrodestra”

“Ieri ho sentito Berlusconi, ha continuato a insistere sulla posizione chiare di avere un presidente di centrodestra, una coalizione unita e credo che noi siamo determinante con i nostri numeri per vincere questa elezione del presidente della Repubblica”, afferma Tajani.

Quirinale, Federico (M5S): “anche oggi scheda bianca”

“Credo che la giornata di domani, giovedì, possa essere quella decisiva, almeno per quanto riguarda il dialogo fra forze politiche. Anche per oggi c’è una indicazione generica di votare scheda bianca”. Lo dichiara Antonio Federico, deputato del Movimento 5 Stelle

Quirinale: Centro/Sinistra e Centro/Destra verso scheda bianca alla terza votazione

L’indicazione del Partito Democratico ai grandi elettori dovrebbe essere per la scheda bianca anche per oggi, in occasione della terza votazione. Stessa indicazione sarebbe arrivata anche per Leu e M5S. Stessa cosa dovrebbero fare i partiti del Centro/Destra.

Quirinale: il Centro/Destra in realtà punterebbe su Elisabetta Casellati

Il Centro/Destra punterebbe forte sulla presidente del Senato Elisabetta Casellati. In queste ore i leader stanno cercando voti in vista del quarto scrutinio di giovedì, quello dal quale sarà sufficiente la maggioranza assoluta per eleggere il capo dello Stato.

Quirinale, Letta sui nomi del Centro/Destra: “nomi di qualità”

“Valuteremo i nomi senza spirito pregiudiziali. Vogliamo fare tutto insieme ai nostri alleati, non voglio dire nulla che sia divisivo. Sono tutti nomi di qualità, valuteremo senza pregiudizi”, ha sottolineato il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta.

Quirinale: i nomi proposti dal Centro/Destra

Letizia Moratti, Marcello Pera e Carlo Nordio sono i tre nomi che il centrodestra propone per l’elezione alla presidenza della Repubblica. Lo ha detto il leader della lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa con la presidente di Fdi, Giorgia Meloni e il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani.

Salvini: “presto rivedrò Conte e Letta”

“Lavoro dalle 6 alle 24, il mio telefono è sempre acceso, Letta e Conte li ho già visti e li rivedrò, poi non è che tutti gli incontri che faccio li rendo noti”. E’ quanto ha affermato il leader della Lega, Matteo Salvini.