fbpx

Presunte assunzioni irregolari al Comune di Reggio Calabria, Rosy Canale: “infangata l’immagine della città”

rosy canale reggio c'è Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Reggio Calabria, Canale: “l’unica immagine infangata è quella della città, il cui sindaco condannato e sospeso, delegittimato in ogni modo continua a restare attaccato alla poltrona, alla faccia di ogni codice e regolamento”

“La risposta dell’amministrazione di Reggio Calabria alla vicenda sollevata da Giuseppe Minnella (Fiamma Tricolore) e da Giuseppe Modafferi (Ancora Italia) circa la vicenda del concorso al GOM e alle liste di idoneità per le assunzioni comunali, è un chiaro autogol in puro stile politichese”. E’ quanto afferma Rosy Canale Di Tore di Adesso Parla Reggio. “Legalità, trasparenza, integrità: slogan non più credibili, smentiti nella forma e nella sostanza da condotte, orientate più alla clientela anziché al bene comune, in linea con il Falcomatà style. Non si rinvengono – sottolinea– documenti e dati sul cosiddetto “portale della trasparenza” che dovrebbe mantenere pubblici tutti i documenti dopo la prima pubblicazione sull’albo pretorio. Il “codice etico per la buona politica”, sebbene modificato per adattarlo alle esigenze di personale interesse di Falcomatà & Compagni di calcetto, è stato prima adottato e poi violato nella sua essenza. Ora spunta una girandola di presumibili assunzioni che sicuramente non finirà qui… E questi ancora hanno il coraggio di far finta che sia tutto regolare, parlando di trasparenza e integrità? Il comune si riserva un’eventuale azione legale a tutela dell’immagine della stessa amministrazione. Mandato che verrà affidato allo stesso ufficio legale che ha dimenticato la costituzione di parte civile del comune nel processo Miramare. Come distinguere i somari dai mestatori? L’unica immagine infangata è quella della città, il cui sindaco condannato e sospeso, delegittimato in ogni modo continua a restare attaccato alla poltrona, alla faccia di ogni codice e regolamento”, conclude.