fbpx

Piste aperte, ma deserte: Gambarie è uno spettacolo straordinario, ma col Super Green Pass non se lo può godere nessuno [FOTO]

  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Stefano Romeo
    Foto di Stefano Romeo
  • Foto di Gaetano Caridi
    Foto di Gaetano Caridi
  • Foto di Gaetano Caridi
    Foto di Gaetano Caridi
  • Foto di Gaetano Caridi
    Foto di Gaetano Caridi
  • Foto di Gaetano Caridi
    Foto di Gaetano Caridi
  • Foto di Gaetano Caridi
    Foto di Gaetano Caridi
/

Lo straordinario spettacolo delle piste di Gambarie d’Aspromonte con la neve: un incanto per nessuno, con le stringenti norme del Super Green Pass sono praticamente deserte

Ci sono più addetti al funzionamento degli impianti che sciatori in questi primi giorni in cui le piste da sci di Gambarie d’Aspromonte hanno riaperto al pubblico grazie alla neve caduta copiosa sulla montagna reggina, trasformata in un incantevole scenario nordico e invernale come possiamo osservare dalle immagini a corredo dell’articolo. Una magia di cui non può beneficiare nessuno: le stringenti norme che impongono il Super Green Pass hanno determinato un crollo degli afflussi turistici, e se persino in città sono vuoti alberghi e ristoranti, figuriamoci cosa ci si poteva aspettare in montagna. In una stagione che era iniziata male e sta continuando peggio, materializzando l’ennesimo disastro annunciato, resta il regalo di Madre Natura: uno scenario mozzafiato con tanta neve e temperature polari a pochi chilometri dallo Stretto baciato dal sole. Un incanto sempre più esclusivo, maledettamente per pochi o quasi per nessuno.