fbpx

“I non vaccinati sono pericolosi”, la giornalista reggina Iatì si scontra con Sileri: “è un’affermazione gravissima”. E il professor Broccolo le dà ragione…

sileri iatì vaccini green pass

Una frase pronunciata dal Sottosegretario alla Salute ha generato il dibattito in studio, costringendolo poi a tornare sui suoi passi: “prima o poi il Green Pass sarà eliminato”

“Renderemo la vita sempre più difficile ai non vaccinati perché, chi non è vaccinato, è pericoloso. Punto”. Ad affermarlo è stato il Sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri nel corso della trasmissione Dimartedì, in onda su La7. La frase ha generato la reazione della giornalista reggina Manuela Iatì, che ribatte: “il Sottosegretario ha pronunciato qualcosa che è di una gravità inaudita. Ha ammesso che il Green Pass è un provvedimento punitivo contro chi ha scelto di non vaccinarsi”. Sileri replica: “non ho detto questo”, e poi corregge il tiro. “Quanto meno un non vaccinato è pericoloso per se stesso, le terapie intensive sono piene di non vaccinati. Noi dobbiamo pensare a tutelare la collettività. Il Green Pass ci ha protetto dalla quarta ondata, prima o poi sarà rimosso perché le regole si devono adattare al cambiamento della pandemia”, ha affermato.

A mettere un punto sul dibattito ci ha pensato il professore Francesco Broccolo, docente di Microbiologia Clinica presso l’Università Milano-Bicocca. “Continuare con il Green Pass significherebbe imporre ai cittadini una quarta e poi quinta dose, si arriverà al punto in cui il sistema immunitario non risponderà più dopo la somministrazione dello stesso vaccino. La strategia deve cambiare, e non lo dico io, lo dice l’Ema. L’obbligo vaccinale è stato fatto per gli Over 50, perché per i più giovani la letalità del virus è molto bassa. Il vaccino abbassa la mortalità e la possibilità di finire in terapia intensiva, ma per quanto riguarda l’infezione è molto debole, bisogna ammetterlo chiaramente. Questo si spiega in parte perché stiamo utilizzando un vaccino vecchio di due anni e in parte perché il vaccino è studiato sulla malattia. Cioè salva la vita, ma non ferma il contagio. Quindi smettiamo di dire che il non vaccinato è pericoloso, questa cosa non è vera”, ha concluso Broccolo.