fbpx

Reggina, per Altare cambia tutto? Il procuratore: “credo che il Cagliari abbia deciso di tenerlo”

giorgio altare

Il procuratore di Giorgio Altare, obiettivo della Reggina, ha allontanato il difensore, che fino a ieri sembrava molto vicino al club amaranto

Sono gli scherzetti del mercato. Il calcio cambia, si evolve, e con esso i calciatori, gli allenatori e il loro modo di operare. Ma quello, il mercato, no. Oggi è fatta, domani non più. La mattina la trattativa è saltata, la sera è riaperta. In casa Reggina, uno degli obiettivi più importanti è Giorgio Altare, difensore classe ’98 del Cagliari. Il ds Taibi, come da lui stesso confermato, ha contattato sia il procuratore che la società sarda, ma ieri il calciatore ha giocato la sua seconda gara da titolare (vittoriosa) con Mazzarri e la notte avrebbe potuto cambiare gli scenari.

Situazione, questa, in parte confermata dal suo procuratore Silvano Martina, che a Reggina Tv ha spiegato come stanno andando le cose in merito al suo assistito: credo che il Cagliari abbia deciso di tenerloha affermato l’agente senza mezzi termini – Altare è un ragazzo perbene, un professionista serio, ha fatto bene” nelle ultime due partite e “sicuramente questo ha fatto cambiare opinione al club. Se dovessero mandar via lui dovrebbero prendere un altro difensore. Quindi alla fine, facendo tutti i calcoli, forse gli conviene tenerlo. Ma fino a che il mercato non chiude tutto può succedere”. Porte forse chiuse, dunque, ma non completamente: “di sicuro – conclude Martina – se dovesse scendere in B andrebbe alla Reggina“.