fbpx

Sport, Mauro Berruto protagonista dell’incontro con il CSI Reggio Calabria: “antifragilità e pensiero plurale pilastri per ripartire”

Mauro Berruto

Il Presidente nazionale Csi Vittorio Bosio ha aperto l’incontro: “fare l’appello giornalmente e andare casa per casa per non lasciare indietro nessuno. Ripartiamo dai cortili e dalle piazze”

Una straordinaria e partecipatissima serata, ha aperto il percorso formativo per allenatori di futsal, pallavolo e pallacanestro Csi. Venerdì appena trascorso, in modalità online, l’ex Ct della nazionale Italiana di Pallavolo, Mauro Berruto, ha incantato i tantissimi allenatori, dirigenti, educatori, insegnanti e volontari dello sport presenti all’incontro promosso dal Csi Reggio Calabria in collaborazione con il Csi Calabria. Il webinar, condotto sapientemente dal giornalista Giovanni Mafrici, ha tracciato la strada per una ripartenza che metta al centro sport, gioco, società sportive, allenatori, come elementi indispensabili per questo nuovo “viaggio”.

Dalle fatiche e fragilità di questo complesso periodo, se ne può uscire tutti insieme, anche attraverso una nuova dimensione educativa e sportiva. I lavori sono stati aperti dal Presidente Nazionale Csi, Vittorio Bosio“non lasciare indietro nessun ragazzo. Fare l’appello andando a suonare al campanello di tutte le famiglie. La pandemia sta creando disastri educativi tra i ragazzi. Lo sport del Csi deve ripartire dai cortili, dalle piazze. Noi siamo principalmente questo. Il Csi deve accogliere, tutti, nessuno escluso.” 

Attesissimo l’intervento di Mauro Berruto. “da solo non puoi fare nulla. La “partita” va giocata insieme. E’ importate, per uscire da questo momento, nello sport come nella nostra vita, mettersi in cammino per ricostruire una nuova “città”, anche meglio di quella lasciata. Servono però delle qualità: la resilienza, certamente una virtù ma, ha anche un grande rischio. Non serve non mutare il nostro modo di essere indipendentemente da quello che ci capita, rimanere uguale a noi stessi, dopo quello che è successo è un grande rischio. Un’altra parola vorrei proporvi, un concetto nuovo e importantissimo.  La parola è l’antifragilità, cioè la capacità di uscire più forti e preparati da questa situazione. La pandemia ha accelerato una fragilità e delle difficoltà che già esistevano nello sport. E’ l’occasione per ripensare ad un modello nuovo di sport, quello vecchio non esiste più. E’ necessario mettere in relazione orizzontale le competenze.  Ecco la mia idea. Riscoprire la statura morale, gli esempi. Abbiamo per tanto tempo abbassato l’asticella. Seconda caratteristica è l’empatia, la vicinanza, le relazioni. Riscoprire queste capacità per essere ancora più forti nelle difficoltà. Terza parola è l’intuizione, cioè la capacità di mettere in forma orizzontale dei saperi. La formazione continua è fondamentale per ricostruire. Il quarto concetto è il pensiero plurale, nessuno si salva da solo. Auguro a tutti voi di sognare, facendo brillare gli occhi dei ragazzi che avete accanto. Ripartiamo dall’antifragilita’, per rinascere più forti e profondamente cambiati”.

La serata è stata chiusa dall’intervento di Giorgio Porro, Presidente del Csi Calabria. Importante secondo il dirigente Csi, fare squadra e mettere insieme carismi e competenze. Il Csi Reggio Calabria con orgoglio ed entusiasmo, dalla voce del Presidente Paolo Cicciù desidera “ringraziare fortemente tutti i protagonisti di una serata meravigliosa”. I prossimi appuntamenti per i numerosi iscritti ai corsi Csi saranno il 4 e 9 Febbraio 2022. L’area psicologica e medica saranno i temi del secondo e terzo appuntamento formativo Csi.