fbpx

Il Dr. No, il nemico dei poteri forti, intervistato in esclusiva da Kirieleyson

di Kirieleyson – Il Dr. Frederich Von Noscassenbergen, meglio conosciuto come Dr. No, è considerato uno dei massimi esperti mondiali sulle tecniche di condizionamento della popolazione e, fino quando le autorità accademiche glielo hanno consentito, ha ricoperto la cattedra di “Storiografia alternativa” nella prestigiosa università di Wrangler.

Il Professore ha scritto decine di libri sull’argomento, tutti ormai introvabili, dato che ormai quasi ovunque ne è stata vietata la pubblicazione grazie alle pressioni dei suoi detrattori nei confronti delle case editrici di mezzo mondo.

Il suo pensiero viene oggi diffuso solo attraverso le conferenze clandestine che tiene in giro per l’Europa e che viene successivamente veicolato dai suoi seguaci attraverso i Social.

Noi siamo riusciti ad intercettarlo alla Caronte, dove aveva tentato senza successo di attraversare lo Stretto senza Green Pass e siamo riusciti a strappargli un’intervista, in esclusiva per i lettori di Strettoweb, ma solo dopo avere accettato di non rendere noto il suo volto e di non divulgare informazioni sui suoi spostamenti futuri.

Dr. No, cosa andava a fare in Sicilia?

Ero stato inviato ad un convegno dal titolo “Terra piatta e i complotti non svelati”, dove avrei dovuto presentare delle prove che sanciscono definitivamente che la Terra è piatta, mettendo fine, una volta per tutte, a secoli di mistificazioni e di bugie.

Può farci vedere queste prove?

Lo farei volentieri se non fosse che, ieri, presso Rosarno, sono stato derubato di tutto il mio materiale da parte di alcuni extra comunitari, opportunamente ammaestrati allo scopo da chi li aveva fatto entrare clandestinamente in Italia.

Dr. No, di cos’altro avrebbe parlato, se fosse riuscito a raggiungere il convegno?

La mia missione è quella di aprire gli occhi alla gente.  Svelare le verità nascoste. Smentire le menzogne che TV e media ci propinano quotidianamente: dall’inesistente sbarco sulla Luna (le cui riprese sono state fatte invece nella proprietà di un mio cugino), alla pseudo morte di Bin Laden (che invece gestisce tranquillamente una pizzeria da asporto in Puglia).  Tutte verità nascoste per confondere la gente.

Ci dica. Secondo lei, perché si direbbero in giro tante menzogne?

Perché nella nostra Società comandano i poteri forti. E i poteri forti non vogliono che la gente sappia la verità.

Scusi, ma chi sono questi poteri forti?

Sono quelli che decidono cosa dobbiamo mangiare, quando bere, come vestirci, cosa studiare. Lei lo sa che gli antichi Egizi non usavano antibiotici, antistaminici e vaccini? Ebbene, ciò nonostante costruirono le piramidi. E gli antichi Romani? Hanno fatto cose grandiose senza fare uso persino di aspirine. Oggi vogliono invece farci credere che senza medicine non si possa vivere. Quando invece lo scopo è solo quello di rimpinguare le aziende farmaceutiche. E pure le farmacie. Con i nostri soldi. Questi sono i poteri forti.

A proposito di vaccini, Lei cosa ne pensa?

Prima di tutto, la ringrazio per avermi fatto questa domanda. Le premetto che io non sono contrario ai vaccini; da piccolo ho fatto l’anti polio e quello per il morbillo. Sono invece assolutamente contrario a questi vaccini anti COVID.

E perché mai?

Il motivo è molto semplice e nello stesso tempo terrificante. Hanno inventato il Covid, che di fatto non esiste, solo per poterci somministrare un qualcosa che chiamano vaccino, ma che invece è un microchip che si posiziona nel nostro cervello con cui, quando scoccherà l’ora x, ci potranno dare ordini a distanza, perché allora saremo diventati tutti automi agli ordini dei poteri forti. Ecco perché hanno inventato la dittatura sanitaria. E la gente, che si lascia abbindolare facilmente (io ne so qualcosa), fa persino la fila per farselo somministrare!

Cambiamo registro. Parliamo di un altro argomento di attualità, visto che siamo qui: il Ponte sullo Stretto. Lei cosa ne pensa?

Io sono assolutamente contrario.

E perché mai?

Ma come fa a non rendersi conto che il Ponte sullo Stretto significherebbe miliardi di Euro ai produttori di cemento, acciaio e tecnologia, ingegneri e geologi, aziende di trasporti e anche di generi alimentari? Tutta gente che fa parte dei poteri forti. E poi, una volta completato, ci pensa ai milioni di turisti che vorrebbero vedere quella malefica opera, invadendo come orde barbariche questo bellissimo territorio per distruggere la beata solitudine di cui ha goduto finora? Per non parlare infine degli ingiusti vantaggi economici che ne ricaverebbero albergatori, ristoratori, operatori turistici e tante altre imprese sponsorizzate dai poteri forti?

Lei dice che non dobbiamo fidarci dei media. Proprio di tutti?

Di tutti, proprio tutti, no. Si può tranquillamente ascoltare Radio Maria.

Un’ultima domanda Professore, ma lei è stato sempre così? Diciamo, le sue teorie le sono sempre appartenute, oppure c’è stato un momento di svolta, diciamo di illuminazione, nella sua vita?

Devo dire, in verità, che anch’io una volta ero allineato a quello che i poteri forti vogliono far passare per “normale”. Ma un giorno d’Estate, mentre ero sotto una quercia a prendermi il fresco, un grosso ramo si staccò dall’albero e mi colpì pesantemente alla testa.   Quello fu per me il giorno in cui cominciai finalmente a capire. Il giorno dell’illuminazione!