fbpx

Covid, perchè Omicron è meno mortale? Scienziati concordi: colpisce la gola e danneggia meno i polmoni

omicron sintomi raffreddore

La variante Omicron risulta meno letale perchè colpisce prettamente la gola e meno i polmoni: è quanto emerso dagli studi di alcuni scienziati citati dal “Guardian”

Molto più contagiosa, ma anche meno letale. Stiamo imparando a conoscere Omicron, la nuova variante del Coronavirus che da qualche settimana ha causato un’impennata nei contagi anche in Italia, portando a misure più restrittive sul finire del 2021. Ma perchè questa variante risulta meno letale? Secondo 6 studi citati dall’autorevole “Guardian”, Omicron non danneggia i polmoni come Delta o altre varianti precedenti.

Il risultato di tutte le mutazioni che rendono Omicron diversa dalle varianti precedenti è che potrebbe aver alterato la sua capacità di infettare diversi tipi di cellule – ha affermato Deenan Pillay, professore di virologia presso l’University College di Londra – In sostanza, Omicron sembra essere più in grado di infettare il tratto respiratorio superiore, le cellule della gola. Quindi si moltiplicherebbe più facilmente in quelle cellule più che in quelle del polmone. Sono risultati preliminari ma convergenti“.

Riproducendosi nella gola, l’Omicron risulta dunque più trasmissibile, questo spiega l’aumento di casi e al tempo stesso la diminuzione delle morti rispetto a un virus che attacca i polmoni. Uno studio sui topi del Molecular Virology Research Group dell’Università di Liverpool mostra che Omicron causa “malattie meno gravi”: i topi contagiati perdono meno peso, hanno una carica virale inferiore e soffrono di polmoniti meno gravi. Il Neyts Lab dell’Università di Leuven in Belgio ha riscontrato risultati simili nei criceti siriani. E i ricercatori del Center for Virus Research dell’Università di Glasgow hanno trovato prove che Omicron ha cambiato il modo in cui il virus si insedia nel corpo. Una ricerca guidata dal professor Ravi Gupta dell’Università di Cambridge, il cui team ha studiato campioni di sangue di pazienti vaccinati, ha evidenziato come Omicron sia in grado di eludere i vaccini, ma sia meno propensa a entrare nelle cellule polmonari.