fbpx

Covid, Meloni striglia il Governo: “Draghi chieda scusa agli italiani. Con dad, smart working e discoteche chiuse siamo tornati indietro di un anno”

giorgia meloni Foto di Angelo Carconi / Ansa

“Dicevano che il green pass avrebbe garantito di non tornare alle chiusure ma non è stato così: il governo Draghi si è rivelato nient’altro che un Conte ter”, scrive Giorgia Meloni

“Ritornano la Dad e lo smart working negli uffici pubblici, chiudono le discoteche e si limita la capienza negli stadi, il contagio dilaga nei giorni di chiusura delle scuole, si susseguono decreti caotici e provvedimenti contraddittori con regole impossibili da comprendere su green pass e quarantene. In un anno nulla è cambiato e gli errori di questo Esecutivo sono ormai evidenti a tutti”. E’ la critica avanzata da Giorgia Meloni nei confronti del Governo Draghi.

“Le misure necessarie e più volte richieste da FdI per combattere la pandemia, come il potenziamento dei mezzi pubblici e l’aerazione meccanica controllata nelle scuole, non sono state adottate. Ci avevano promesso che il “governo dei migliori” avrebbe segnato una netta discontinuità con il suo predecessore e che il green pass avrebbe garantito di non tornare alle chiusure ma non è stato così: il governo Draghi si è rivelato nient’altro che un Conte ter. Oggi il Presidente del Consiglio abbia il coraggio di ammettere il fallimento della strategia del governo e di chiedere scusa agli italiani”, conclude la leader di Fratelli d’Italia.