fbpx

Covid, il sottosegretario Costa: “bollettino quotidiano senza più contagi, dovremmo comunicare solo i ricoveri. Ne ho già parlato con Speranza”

Andrea Costa Foto di Massimo Percossi / Ansa

Covid, le parole del sottosegretario alla Salute Andrea Costa

Condivido la posizione di Matteo Bassetti circa l’inutilita’ di un report giornaliero dei contagi, perche’ il numero dei contagi di per se’ non dice nulla. Da parte mia ho proposto anche al ministro della Salute di fare una riflessione sull’attuale sistema di report e la mia posizione e’ condivisa dal mio partito Noi con l’Italia. Mi auguro che possa diventare maggioritaria all’interno della maggioranza“. Lo ha detto all’ANSA il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, sottolineando come nella situazione attuale “sia necessario soffermarsi essenzialmente sui dati delle ospedalizzazioni e occupazione delle terapie intensive”. “Non so se ci sara’ un cambio di sistema relativamente al report giornaliero dei dati – ha spiegato Costa – ma la mia posizione e’ chiara e condivisa anche dal mio partito”. “Credo – ha precisato il sottosegretario – che dovremmo soffermarci soprattutto sui dati delle ospedalizzazioni e delle terapie intensive, perche’ oggi l’obiettivo e’ ridurre la pressione sugli ospedali e fare in modo che questi possono garantire tutte le cure anche ai pazienti non Covid“. Dunque, attualmente “il dato relativo al numero dei contagi quotidiano non e’ cosi’ cruciale, ma lo sono i dati sulle ospedalizzazioni“. Il fatto, chiarisce Costa, e’ che “il fine e’ ormai la convivenza con il virus SasrSCoV2 ed e’ chiaro che la convivenza evidenziera’ sempre un certo numero di contagiati, ma la cosa davvero importante e’ che i casi rilevati non determinino pressione eccessiva sugli ospedali“. D’altronde, conclude, “in una fase endemica dell’epidemia di Covid, i contagi giornalieri non li comunicheremmo comunque piu’ perche’ non avrebbe senso, e non ha senso comunicarli neanche oggi poiche’ il numero dei contagi di per se’ non dice nulla”.