fbpx

Caso Djokovic, Kyrgios si schiera dalla sua parte: “tempesta di merda. Mi vergogno per come l’Australia lo ha trattato”

Novak Djokovic Foto di Alessandro di Marco / Ansa

Nick Kyrgios spezza una lancia a favore di Novak Djokovic: il tennista australiano critica l’operato del suo paese nella gestione del caso

Nick Kyrgios si espone in difesa di Novak Djokovic. È già qualcosa che, di per sè, fa notizia. Il fumantino tennista australiano, in passato, non aveva perso occasione per punzecchiare o attaccare frontalmente Djokovic, specialmente dopo il focolaio dell’Adria Tour nel quale, fra gli altri, si era contagiato lo stesso tennista di Belgrado. Questa volta Kyrgios, positivo al Covid nelle ultime settimane, ha deciso di spezzare una lancia a favore del collega puntando il dito contro la cattiva gestione del suo caso tanto da parte dei media, quanto da parte del governo dell’Australia: “sappiamo che ai media piace creare tempeste di merda, come con la mia storia e tutto ciò che accade a Novak. Mi vergogno come atleta australiano che ha visto cosa ha fatto questo ragazzo per noi e per lo sport. Semplicemente non credo sia corretto come stiamo gestendo la vicenda, ma i media amano fare questo, amano dividere“.